Ai domiciliari per camorra, arrestato a Napoli mentre era al bar

I carabinieri di Rimini hanno arrestato a Napoli un evaso dai domiciliari, accusato di associazione per delinquere di stampo mafioso. L’uomo, appartenente a un clan della camorra, era agli arresti domiciliari per estorsione, porto abusivo di armi e minacce in concorso, aggravato dal metodo mafioso ma violava costantemente la sua detenzione. I carabinieri di Rimini l’hanno arrestato al rione Sanità Napoli, mentre si recava come uomo libero, prima dal barbiere e poi al bar.

L’uomo, Massimo Romaniello, appartenente a un sodalizio camorrostico, era stato arrestato dopo la retata dell’11 ottobre scorso tra Rimini e Napoli, durante la quale sono state disarticolate due pericolosi clan della camorra operativi in Romagna e composti da dieci membri, tutti indagati per associazione per delinquere di stampo mafioso.