18.6 C
Napoli
martedì, Settembre 27, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Sequestrati profumi e deodoranti pericolosi in provincia di Napoli


La scorsa settimana l’Agenzia delle Dogane ha sventato il tentativo di frode in commercio di un rilevante quantitativo di profumi, gel doccia, acqua da toeletta, profumo “roll on“. I prodotti sono stati sequestrati e il legale rappresentante della società esportatrice è stato denunciato per tentata frode e violazione al codice al consumo. Operazione è stata condotta nell’ambito delle attività antifrode,

Ad agire i funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Napoli 2 – Sezione di Nola, che hanno controllato la merce, oggetto di esportazione in Libia, per poi inviarla presso il Laboratorio di Roma per le analisi chimiche al fine di verificarne gli ingredienti e il livello di nocività; dagli esami è emersa la presenza di “Lilial“, sostanza che, ai sensi della normativa europea, è stato inserita nell’elenco di quelle “vietate nei prodotti cosmetici“. La norma UE vieta infatti dallo scorso primo marzo la commercializzazione di cosmetici contenenti la sostanza “Lilial“.

Divieto di commercializzazione di cosmetici contenenti Lilial

Il Regolamento (UE) 2021/1902 della Commissione del 29/10/2021 che modifica gli allegati II, III e V del Reg. (CE) 1223/2009 per quanto riguarda l’utilizzo nei cosmetici di determinate sostanze classificate come cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione (CMR) VIETA dal 1 marzo 2022 la commercializzazione di cosmetici contenenti la sostanza 2-(4-terz-butilbenzil) propionaldeide, nome INCI: Buthylfenil Methylpropional (Lilial).

Il Regolamento (CE) 1272/2008 in materia di classificazione ed etichettatura delle sostanze (CLP) aggiornato il 19.5.2020 ha determinato la modifica dell’allegato II del Regolamento 1223/2009 (elenco delle sostanze non ammesse nei cosmetici) – (Gazzetta Europea L 387/3.11.2021).

La sostanza in oggetto è una molecola di sintesi largamente utilizzata come componente odoroso – fragranza nei prodotti cosmetici in particolare profumi, shampoo, saponi, creme per il corpo, latti detergenti ma anche in alcuni prodotti per l’igiene della casa come i detersivi.

Strutturalmente si tratta di un’aldeide dall’odore floreale che ricorda le note profumate del lillà, mughetto e ciclamino che è presente nell’elenco degli allergeni del profumo insieme a diverse altre sostanze.

Il Comitato Scientifico per la sicurezza dei Consumatori della Commissione Europea (SCCS) ha rivalutato questa sostanza e nella suo parere del 14.12 2017 ha ritenuto che non si possa escludere la sua genotossicità. Il Regolamento (UE) 2021/1902, in estrema sintesi, alla luce degli studi condotti vieta l’utilizzo del del BMHCA – Buthylfenil Methylprpional nei prodotti cosmetici.

Alla luce di quanto esposto si rende pertanto necessario il ritiro dal commercio di tutti i prodotti cosmetici contenenti la sostanza in oggetto che dal prossimo 1 marzo 2022 non potranno più essere commercializzati. È pertanto necessario chiedere ai propri fornitori se nei prodotti acquistati è presente tale sostanze ed è comunque necessario controllare gli INCI dei prodotti cosmetici detenuti al fine di verificare la presenza del BMHCA attraverso il suo nome INCI.

Nel caso di presenza di BMHCA i prodotti cosmetici dovranno essere accantonati e sigillati in un contenitore con apposta la dicitura “Prodotti non vendibili o cedibili – da restituire al fornitore” e restituiti al fornitore con le modalità opportune. Traccia di tutta l’operazione dovrà essere mantenuta in caso di controlli da parte delle autorità sanitarie.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Campania, i nomi dei senatori e deputati eletti nei collegi plurinominali

Arriva il dato definitivo sul sito Eligendo sulla distribuzione dei seggi anche nei collegi plurinominali. In Campania 1 il...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria