Truffa per migliaia di euro alle Poste, ordinanza annullata a Roma per un napoletano

Il tribunale del Riesame di Roma ha annullato l’ordinanza applicativa della misura cautelare carceraria nei confronti di Ciro Agrillo. L’uomo era stato tratto in arresto dal Gup Arturi presso il tribunale di Roma con l’accusa di associazione a delinquere  finalizzata a porre in essere una serie di truffe aggravate mediante assegni clonati per centinaia di migliaia di euro ai danni delle Poste italiane. Oggi il Tribuanle del Riesame di Roma all’esito delle deduzioni difensive dei suoi legali Leopoldo PeroneSalvatore D’Antonio ha rimesso in libertà Agrillo.