Lenzuolata a Napoli per Ugo Russo: decine le scritte per il baby rapinatore

Sono decine di lenzuola esposte oggi su balconi a Napoli sui quali si chiede ‘ Verita’ e giustizia’ per Ugo Russo il ragazzo ucciso lo scorso anno durante un suo tentativo di rapina ai danni di un carabiniere fuori servizio. La cosiddetta lenzuolata ha interessato parecchie zone della città ed in particolare i quartieri Spagnoli dove il giovane viveva.

“La pubblicazione sui giornali di alcune anticipazioni sull’inchiesta sull’omicidio del quindicenne Ugo Russo – si legge in un comunicato del Comitato Verità e Giustizia per Ugo Russo – ha avuto un forte impatto emotivo tra i cittadini che fanno parte dei gruppi social del ed è nata spontaneamente la proposta della lenzuolata per dire ancora una volta che dopo oltre un anno in cui neanche i risultati dell’autopsia sono pubblici è giunto il momento di conoscere la verità, tutta la verità”. Inoltre, si evidenzia “la mancanza di chiarezza sulla dinamica del fatto”.

“Dalle prime ore di questa mattina – si legge nel comunicato – alla pagina facebook e alla mail del comitato sono già arrivate oltre cento fotografie di balconi, finestre, bassi in cui la gente dei quartieri Materdei, Arenella, Fuorigrotta, Gianturco, Via San Biagio dei Librai, rione Luzzatti, Porta Nolana espone lenzuola, cartelli o piccoli striscioni”.
Lo scorso 28 febbraio, ad un anno dalla morte, furono centinaia le persone che parteciparono ad un corteo di protesta che raggiunse il luogo della rapina dove la madre del ragazzo depose dei fiori.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.