«Vaccinazione di massa? Noi facciamo il tifo affinché le aziende che hanno sottoscritto i contratti con l’Ue e quindi Italia per le forniture, possano essere presto autorizzate all’immissione in commercio del vaccino. Per l’autunno auspichiamo di raggiungere l’immunità di gregge, con l’80% degli italiani vaccinati. E in quel momento che saremo davvero fuori  dal tunnel». Lo ha detto il commissario straordinario all’emergenza Covid 19 Domenico Arcuri, oggi all’uscita dallo Spallanzani di Roma, nel giorno del V-day. «Paragoni con altri paesi? Oggi non è un giorno di polemica – ha aggiunto Arcuri – l’Italia, come la Francia, la Germania ed altre nazioni, ha un piano ben preciso e abbiamo iniziato lo stesso giorno».

Vaccino Day: Napoli, infettivologo primo vaccinato al Cotugno

L’infettivologo Rodolfo Punzi è il primo dei vaccinati stamane nell’ospedale Cotugno, tra i luoghi simbolo in città della lotta al Covid e presidio vaccinale per tutta l’Azienda ospedaliera dei Colli. Stamane, prima del via alle somministrazioni, il presidente della Regione Vincenzo De Luca ha incontrato i sanitari prenotati per ricevere il vaccino Pfizer-Biontech.

Le operazioni proseguono nei cinque box allestiti in una tenda all’esterno del Cotugno.

 

Vax Day: infermiera pronto soccorso prima vaccinata Caserta

 

Si chiama Ginetta De Marco, infermiera del Pronto Soccorso dell’azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, la prima persona cui è stata somministrato il vaccino anti-Covid nel Casertano.
All’ospedale di Caserta saranno vaccinati cento tra medici e infermieri del Pronto Soccorso, in servizio all’ospedale modulare, ubicato a fianco all’azienda ospedaliera, dove c’è il reparto Covid, quelli delle unità operative a più stretto contatto con tali pazienti, come pneumologia, malattie infettive. Le operazioni del Vax Day andranno avanti fino alle 16 di oggi; poi, nelle prossime settimane, la campagna di vaccinazione entrerà nel vivo. Presente alle 10, alla prima vaccinazione, anche il sindaco di Caserta Carlo Marino, che parla di “momento storico per Caserta e la provincia.

Questo 27 dicembre 2020 sarà ricordato come un giorno speciale, un giorno di rinascita nel quale, dopo i tanti sacrifici fatti con responsabilità nel corso di un anno difficile, abbiamo avviato una massiccia controffensiva contro questo maledetto virus.
Vacciniamoci tutti, proteggiamo noi stessi e i nostri cari. Un gesto di responsabilità indispensabile per mettere fine ad una pandemia che ha stravolto le nostre vite. Ma guai ad abbassare la guardia”. (ANSA).

Seguici Sui Nostri Canali Social

Rimani Aggiornato Sulle Notizie Di Oggi

Pubblicità