addio al disney store di via toledo
Lucia, 7 anni, emblema dei bimbi di Napoli che non vivranno più la magia del Disney Store

Chissà quante volte Lucia, insieme ai genitori, si era recata nello store Disney di via Toledo per comprare un peluche o un giocattolo. Dal 4 ottobre la piccola di 7 anni non potrà più farlo perché il Disney Store, uno dei negozi più noti e frequentati di Via Toledo, chiuderà i battenti per sempre. Ad annunciarlo è direttamente la Disney.

La decisione della società Disney

Con un comunicato stampa, la multinazionale californiana fa sapere di voler chiudere tutti i negozi sul territorio italiano (così come già annunciato per i 60 punti vendita nel resto d’Europa e in Nordamerica). La motivazione alla base di questa scelta dell’azienda è da rinvenire nella volontà di concentrarsi sull’e-commerce, in quanto le vendite online, negli ultimi tempi, sono ritenute molto più convenienti rispetto a quelle, per così dire, tradizionali in store.

Il destino dei dipendenti

L’intera popolazione si dimostra dispiaciuta. In primis per i 23 dipendenti dello store – prevalentemente donne – destinati a perdere il proprio lavoro. Risalgono, per l’appunto, a poche settimane fa le loro proteste, in contemporanea coi colleghi degli store di tutta Italia. Sono, infatti, 15 i negozi firmati Disney in tutto il territorio italiano, per un totale di più di 230 lavoratori.

Il valore affettivo

Ma anche per ciò che il negozio inevitabilmente rappresenta per grandi e piccini: un angolo di felicità e stupore, in cui l’infanzia non termina mai. E’, infatti, capitato a chiunque di fermarsi, durante una passeggiata, ed entrare per godersi l’allegria e la magia del luogo, acquistando giocattoli e gadgets brandizzati.

La reazione delle istituzioni

Sulla vicenda è intervenuto il segretario generale Cgil Napoli e Campania, Nicola Ricci, il quale all’Ansa ha dichiarato: “La decisione di chiudere il Disney Store di Napoli rappresenta una pugnalata alle spalle per i dipendenti. Il prezzo della pandemia non devono pagarla i lavoratori. Una catena internazionale come Disney che decide di chiudere e licenziare per favorire l’e-commerce è quanto di più sbagliato ci possa essere nelle politiche economiche e commerciali di questo Paese. Noi saremo al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori dello store di Napoli. E’ solo l’inizio della battaglia per difendere questi posti di lavoro. No all’acquisto dal divano di casa, si al mantenimento dei posti di lavoro”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.