E’ in prognosi riservata ma non sarebbe in pericolo di vita Gennaro Casaburi, il 43enne rimasto ferito in seguito ad un agguato maturato la scorsa notte nel rione Berlingieri, a Secondigliano (leggi qui l’articolo). Casaburi (con precedenti per furto e rapina) ha raccontato agli uomini della polizia di Stato (indagini del commissariato di Secondigliano guidato dal vice questore aggiunto Raffaele Esposito) di essere stato avvicinato da due persone. Questi, in sella ad uno scooter, hanno iniziato ad esplodere colpi contro di lui per poi dileguarsi in una strada limitrofa a via Monte Faito, luogo dove è avvenuto il raid. Casaburi vanta una parentela ‘eccellente’: è infatti il cognato di uno dei due fratelli di Tina Rispoli (totalmente estranea a tale vicenda) nonchè ad alcuni fedelissimi di Alessio Angrisano, ras della Vanella con base a Scampia e recentemente rinviato a giudizio insieme al gotha del clan da tempo scisso in tre sottogruppi (leggi qui l’articolo).

Il precedente raid contro Casaburi

Le indagini sono affidati agli uomini della polizia giudiziaria di Secondigliano che già nei mesi scorsi si sono trovati a dover indagare su raid che hanno avuto come obiettivo proprio Casaburi. La sua abitazione di Corso Secondigliano nel marzo scorso divenne obiettivo di una stesa: forse proprio partendo da quell’episodio potrebbe emergere una pista. I contrasti tra gruppi della zona sembrano al momento essere una pista più debole considerato che Casaburi non era inquadrato in nessun clan nonostante da tempo proprio il Berlingieri sia al centro di una contesa tra la Vanella Grassi (gruppo Maione) e alcune bande provenienti dalle vicine Casoria e Casavatore.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.