30.2 C
Napoli
giovedì, Luglio 7, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Cos’è l’alopecia, la malattia di cui soffre la moglie di Will Smith


È bastata una battuta infelice durante la cerimonia di consegna dei premi Oscar, da parte di Chris Rock, per scatenare la furia di Will Smith. Un’uscita infelice che ha riguardato proprio la moglie dell’attore, Pinkett Smith. «Lascia il nome di mia moglie fuori dalla tua fottuta bocca», gli ha intimato l’attore. Prima, però, gli ha tirato un pugno in diretta tv lasciando tutti di stucco. Chris Rock aveva detto di non vedere l’ora di vedere Pinkett Smith in «Soldato Jane 2», rievocando il film in cui Demi Moore si arruola in marina e si rasa la testa a zero.

In realtà il motivo per cui Pinkett Smith porta i capelli rasati è dovuto alla diagnosi di alopecia, una malattia di cui ha parlato la stessa attrice a partire dal 2018. «Mi hanno fatto un sacco di domande sul perché io porti il turbante, la risposta è che ho un problema di perdita di capelli», aveva raccontato in quel periodo.

Cos’è l’alopecia, la malattia di cui soffre Pinkett Smith

L’alopecia è una malattia autoimmune che porta al diradamento dei capelli o dei peli, lasciando delle aree glabre. «Ho visto i capelli nella doccia, sono rimasta con una ciocca in mano, e ho temuto di diventare calva. È stato uno di quei momenti nella vita in cui ho veramente tremato dalla paura. Per questo motivo continuavo a tagliare i capelli che prima invece erano i protagonisti di un mio rituale di bellezza». Così, inoltre, la donna ha raccontato di quanto la scoperta iniziale della malattia sia stata spaventosa.

La star, sposata con Will Smith dal 1997, ha però imparato a convivere con l’alopecia e anche a scherzarci su: «Mi raso fino al cuoio capelluto, altrimenti sembra che sia stata operata alla testa, o qualcosa del genere. Credo proprio che io e l’alopecia diventeremo amiche. A questo punto posso solo riderne».

Il rapporto con la moglie: “Siamo per il poliamore, libertà nella coppia”

A sentirli parlare, il segreto del loro rapporto è proprio la liberta. In tutti i sensi. Perché Will Smith e Jada Pinkett sono sposati dal 1997 e hanno due figli (Jaden di 22 anni e Willow di 20) e in tutti questi anni non hanno mai fatto segreto di crisi e tradimenti. Ma nonostante questo, il loro rapporto non è mai naufragato, perché la trasparenza – anche in quanto a rapporti extraconiugali – ha fortificato la loro unione. E l’attore di Hollywood è tornato a parlarne in occasione della copertina che GQ gli ha dedicato per il numero di novembre.

“Jada non ha mai creduto nel matrimonio convenzionale, aveva membri della famiglia che avevano una relazione non convenzionale – spiega Will Smith -. Quindi è cresciuta in un modo molto diverso da come sono cresciuto io. Ci sono state discussioni infinite e significative su cosa sia la perfezione in una coppia. E, per gran parte della nostra relazione, la monogamia è stata ciò che abbiamo scelto, non pensando però alla monogamia come alla perfezione. L’importante è darsi fiducia e libertà a vicenda perché il matrimonio non può essere una prigione”.

 

 

 

 

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Alessandro Pirozzi
Alessandro Pirozzi
Mi presento: mi chiamo Alessandro Pirozzi, sono nato a Napoli ed ho 23 anni. Sono iscritto all'albo dei giornalisti dal 2019 ed amo profondamente la comunicazione, specie quella digitale. Dopo essermi diplomato in un istituto alberghiero, ho iniziato a 18 anni il mio percorso lavorativo con InterNapoli.it nel 2016, collaborando anche in qualità di freelancer con diverse testate digitali come Blasting News. Ho scritto per 'Cronache di Spogliatoio', giornale sportivo online, e per la testata locale AbbiAbbè.it.
- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Covid, un’altra giornata nera per la Campania: oltre 13mila positivi e 6 vittime

Cala il numero di nuovi positivi e cala anche la curva dei contagi da Coronavirus. Numeri alla mano, oggi il...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria