Capodanno di follia. Due uomini, uno più anziano, l’altro più giovane, e dietro di loro un bambino, che sollevano un grande frigorifero grigio fin sopra la balustra del balcone. Poi le risate di chi li riprende con lo smartphone e l’incitamento di una donna che dice «Di violenza, di violenza», a incoraggiare il lancio mentre tutto intorno esplodono petardi e fuochi d’artificio. E via, giù, che il frigo scivola oltre e viene scaraventato in strada da quello che potrebbe essere il terzo piano di un edificio. L’elettrodomestico si schianta sull’asfalto e va in mille pezzi. Chi lo ha gettato di sotto è soddisfatto. Per questo fanno ancor più scalpore le immagini shock provenienti da Taranto e risalenti a poco più di 24 ore fa

Potrebbe interessarti anche

Botti di Capodanno: bilancio, un morto e 79 feriti, 23 ricoverati

E’ di un morto e di 79 feriti, dei quali 23 ricoverati, il bilancio del Capodanno 2021 secondo i dati forniti dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza. Dati che registrano una diminuzione, definita “lieve” rispetto al 2020.

L’anno scorso il bilancio: un morto e 204 feriti, dei quali 38 ricoverati.
L’unica vittima è stato un 13 enne (di cui al momento non si hanno i dati di identificazione) avvenuto ad Asti all’interno di un campo nomadi intorno a mezzanotte (00:37 ora costatazione morte) per lo scoppio di una batteria di petardi che lo ha colpito l’addome. L’episodio ha provocato problemi di ordine pubblico nell’ospedale, dove il minore è stato portato dopo l’incidente. Con l’intervento delle Volanti della locale Questura in ausilio ai Carabinieri, intervenuti aggrediti dai familiari del minore. Lo scorso anno si sono registrati 9 ferimenti dovuti all’uso di armi da fuoco, mentre quest’anno si registrano 13 casi di cui 1 con prognosi maggiore di 40 giorni.

I dati, in relazione alla gravità delle lesioni riportate, fanno registrare: con riferimento ai feriti lievi. Prognosi inferiore o uguale ai 40 gg, 67 casi rispetto ai 193 dell’anno precedente; con riferimento ai feriti più gravi, cioè quelli con prognosi superiore ai 40 gg, 12 persone: a fronte delle 11 dello scorso Capodanno. Con particolare riguardo ai ferimenti di minori si registra una diminuzione del dato complessivo. Sono 8 i minorenni che hanno riportato lesioni, mentre lo scorso anno erano stati 43. Sottolineato che il dato relativo ai minori infradodicenni rimasti feriti sceso dai 23 del 2020 ai 3 dell’anno in corso. Mentre quello relativo ai minori di età compresa tra i 13 e i 17 anni, sia sceso da 20 dello scorso anno a 6 per il 2021

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.