Covid, la previsione del ministro Boccia: “A Natale molti italiani non ci saranno più”

Natale ministro Boccia
Il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia

Covid, la previsione del ministro Boccia: «A Natale molti italiani non ci saranno più».

«Non perdiamo il senso di comunità, molti italiani non ci saranno più nel prossimo Natale. So che è dura, per le famiglie, per i ragazzi che vanno a scuola, per i lavoratori sanitari, e per tutti quanti noi però dobbiamo reggere ancora questo mese, dobbiamo tenerci per mano e sono sicuro che ne usciremo più forti di prima». Questa la lugubre previsione del ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, intervenuto a La Vita in Diretta su Rai 1.

Covid, la previsione del ministro Boccia: «A Natale molti italiani non ci saranno più»

Il ministro ha poi parlato della stretta sui cenoni: «Discutere di cenoni e feste con 600-700 morti al giorno lo trovo davvero fuori luogo. Mai come in questo momento sentiamo il dovere di evitare una terza ondata, che non significa chiudersi in casa ma consentire agli operatori sanitari di fare al meglio il loro lavoro».

“Niente zone rosse a fine mese, ma regole per Natale”, l’annuncio di Conte

“Sullo spostamento tra regioni a Natale, ci stiamo lavorando ma se continuiamo così a fine mese non avremo più zone rosse. Tuttavia, il periodo natalizio richiede misure ad hoc. Si rischia altrimenti di ripetere il ferragosto e non ce lo possiamo permettere: consentire tutte occasioni di socialità tipiche del periodo natalizio non è possibile. Non possiamo concederci vacanze indiscriminate sulla neve. Anche per gli impianti da sci, il problema del protocollo è un conto ma tutto ciò che ruota attorno alle vacanze sulla neve è incontrollabile. E con Merkel e Macron in Europa stiamo lavorando ad un protocollo comune europeo. Non è possibile consentire vacanze sulla neve, non possiamo permettercelo”: queste le parole di Giuseppe Conte. Il Presidente del Consiglio ieri sera è stato ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7.