18.8 C
Napoli
mercoledì, Settembre 28, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

De Luca si appella a sindaci e cittadini: “Dati preoccupanti, facciano qualcosa in più”


Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, ha tenuto la consueta diretta Fb del venerdì per fare il punto della situazione sull’emergenza Covid.

Il punto sulla diretta Fb

“La classificazione della Campania ha determinato qualche sorpresa, qualcuno si aspettava un’altra classificazione della nostra regione. A me non fa nè caldo nè freddo. Qualcuno quasi voleva che la Campania fosse inserita nelle zone rosse. Per quasi 2 mesi la Campania ha subito un’aggressione mediatica con campagne scandalistiche. Ci sono amministratori che vanno in giro in tv a parlare male di Napoli. Per qualcuno Napoli e la Campania non possono essere considerate regioni di eccellenza, devono essere per forza degrado. Dobbiamo essere orgogliosi. Noi abbiamo scelto la linea della prevenzione a causa del rischio per la densità abitativa. Non dobbiamo aspettare il momento nel quale il contagio è incontrollabile ma dobbiamo intervenire prima, la prevenzione è questa. 

Il Governo, invece, ha fatto una linea di proporzionalità facendo valutazioni mano mano. Io avrei preferito la chiusura di un mese di tutto a livello nazionale invece di continue ordinanze e decreti che creano solo confusione tra i cittadini e conflitto nelle categorie”. 

 

I dati di De Luca

“La Campania ha un tasso di occupazione di terapie intensive del 28% mentre per i deceduti la Campania conta 756 vittime. Abbiamo il tasso di mortalità più basso d’Italia tra le grandi regioni. Abbiamo come Regione Campania un venticinquesimo delle vittime della Lombardia e un sesto del Piemonte. “Qualcuno è rimasto deluso che siamo zona gialla, ma serve rigore”. 

Il paradosso

“Chi oggi entra in zona rossa a Natale si troverà nella condizione di aprire mentre viceversa chi oggi è in zona arancione e gialla rischia di dover chiudere tra un mese. Rischiamo di entrare nella zona rossa tra una settimana se abbiamo comportamenti irresponsabili”. 

I dati di oggi delle città con più contagi

“Napoli 1046, Giugliano 116, Arzano 24, Portici 57, Casoria 29, Pozzuoli 49, Caserta 65, Aversa 109, Somma Vesuviana 50, San Giorgio a Cremano 45, Melito 35, Castellammare 48, Nola 57, Ercolano 48, Afragola 27, Torre del Greco 66, Salerno 56, Acerra 30, Marano 62, Marcianise 41, Ottaviano 50, Marigliano 28, Nocera Inferiore 29, San Giuseppe Vesuviano 47, Scafati 22. Giugliano è una delle situazioni più preoccupanti visto che è una delle città più grandi. Chiedo ai sindaci di fare atti di responsabilità e di limitare la mobilità facendo sacrifici. Devono mettere in piedi atti di controlli ed essere rigorosi”.

“Sindaci chiudano lungomare e centri storici”

“Ho detto, e ripeto, che dobbiamo considerarci la realtà più esposta, e che dobbiamo adottare prima di altri, e con più rigore, le misure necessarie. Invito i sindaci a predisporre da oggi la chiusura dei lungomare e di parte dei centri storici nei fine settimana. Non possiamo tollerare che ci siano, in questa situazione, migliaia di persone che vanno a passeggio come se niente fosse. Invito – dichiara De Luca – a predisporre attività di controllo e di sanzione per chi ancora oggi, gira senza mascherina”. Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.
“Le decisioni del Governo – dice De Luca – sulla divisione in zone epidemiologiche dell’Italia hanno creato problemi del tutto prevedibili. Rimango convinto della necessità di misure nazionali unitarie, anche più rigorose, per una azione più efficace di contrasto al Covid, a fronte di una diffusione sostanzialmente omogenea del contagio”. Così il governatore campano Vincenzo De Luca. “Per quello che ci riguarda, sarebbe fuori luogo ogni atteggiamento di autoconsolazione e di rilassamento. La situazione è pesante”.

Il video

https://www.facebook.com/InterNapoli.it/videos/646997875946076

Borsa sospetta sotto casa di De Luca, allarme rientrato

Una borsa sospetta è stata rinvenuta questa mattina, intorno alle 8, a Salerno nei pressi dell’abitazione del governatore della Campania, Vincenzo De Luca. I carabinieri, giunti nel rione Carmine insieme agli agenti della Digos, hanno precauzionalmente richiesto l’intervento degli artificieri che hanno provveduto a far brillare la borsa. L’allarme è rientrato nel giro di pochi minuti: l’oggetto sospetto, infatti, conteneva uno scaldino.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Antonio Mangione
Antonio Mangionehttp://www.internapoli.it
Giornalista pubblicita iscritto dalll'ottobre 2010 all'albo dei Pubblicisti, ho iniziato questo lavoro nel 2008 scrivendo con testate locali come AbbiAbbè e InterNapoli.it. Poi sono stato corrispondente e redattore per 4 anni per il quotidiano Cronache di Napoli dove mi sono occupato di cronaca, attualità e politica fino al 2014. Poi ho collaborato con testate sportive come PerSempreNapoli.it e diverse testate televisive. Dal 2014 sono caporedattore della testata giornalistica InterNapoli.it e collaboro con il quotidiamo Il Roma
- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Dramma a Melito, il professor Toscano trovato morto nel cortile della scuola

Poche ora fa è stato ritrovato il corpo senza vita di Marcello Toscano nel cortile della scuola Marino-Guarano a...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria