5.9 C
Napoli
martedì, 19 Gennaio 2021
Pubblicità
Home Cronaca Nuovo dpcm, è già corsa al Sud per trascorrere il Natale: treni...

Nuovo dpcm, è già corsa al Sud per trascorrere il Natale: treni e bus già esauriti

Nuovo dpcm, è già corsa al Sud per trascorrere il Natale: treni e bus già esauriti
Nuovo dpcm, è già corsa al Sud per trascorrere il Natale: treni e bus già esauriti

L’assalto alla diligenza era già cominciato alla vigilia del varo del nuovo Dpcm “di Natale” ma poi le cariche sono continuate fino all’esaurimento dei posti. Dunque, treni ad altà velocità e bus registrano il tutto esaurito in direzione nord-sud durante le festività natalizie. I posti, ovviamente, sono diminuiti rispetto allo scorso anno, ma nonostante le riduzioni si è comunque verificata una ‘corsa al biglietto’.

Dopo il nuovo dpcm, completi i Frecciarossa pomeridiani da Roma a Lecce del 18 dicembre, il Milano–Reggio Calabria delle 20,10, pieno anche il Milano–Napoli del 20 dicembre alle 6,45. I vagoni sono al 50% della capienza per rispettare le regole del distanziamento.

Campania zona arancione da domenica 6 dicembre: cosa cambia per spostamenti, bar, ristoranti e negozi

 Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, firmera‘ 3 nuove ordinanze sulla base dei dati della Cabina di Regia che si e’ tenuta oggi. Con la prima si rinnovano le misure restrittive vigenti relative alle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Lombardia e Piemonte.
Con la seconda le Regioni Campania, Toscana, Valle D’Aosta e la Provincia Autonoma di Bolzano passano da area rossa ad area arancione.
Le Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Puglia e Umbria passano da area arancione ad area gialla. Le ordinanze saranno in vigore dal 6 dicembre.

Verso la zona arancione: le regole

La Campania zona arancione, le regole. Coprifuoco dalle 22 alle 5, salvo per spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

Vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dalle Regioni, salvo che per spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

Bar, ristoranti, locali, pub, gelaterie e pasticcerie in Campania chiusi sempre, ma potranno continuare a vendere cibo da asporto (fino alle 22) o consegnarlo a domicilio.

Centri commerciali chiusi nei giorni festivi e pre-festivi, ma rimarranno aperti negozi alimentari, farmacie, parafarmacie ed edicole collocati al loro interno.

Negozi chiusi, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali mercati chiusi, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari.

Didattica a distanza al 100% per tutti gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado e terza media. Capienza dei mezzi pubblici dimezzata (al 50%). Musei e mostre chiusi. Corner per giochi e bingo in bar e tabaccherie chiusi.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS IN CAMPANIA, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.