9.1 C
Napoli
martedì, Dicembre 7, 2021
- Pubblicità -

«Ero finito nella lista di morte di Cavalleggeri», il pentito è un fiume in piena contro i Giannelli


Sono ricchi di particolari i verbali di Alessandro De Falco, il neo pentito dell’area flegrea che sta rivelando ai magistrati i segreti dei clan della zona. Particolari fin qui inediti che aiutano a comprendere le rivalità, le tensioni e gli assetti in campo in un’area dove insistono da sempre diversi gruppi criminali. De Falco ha raccontato di essere finito ben presto nel mirino di Alessandro Giannelli, l’ambizioso ras di Cavalleggeri d’Aosta che inaugurò qualche anno fa una stagione di terrore. Questo pomeriggio per il ras di Cavalleggeri è arrivata la richiesta di condanna all’ergastolo per l’omicidio di Rodolfo Zinco (leggi qui l’articolo). «Quando sono uscito dal carcere, precisamente il 15 luglio 2015, fui avvicinato da Roberto Pinto il quale mi disse che Alessandro Giannelli aveva ucciso Rodolfo Zinco e che io per volontà di Giannelli potevo fare la stessa fine perchè Giannelli era convinto che durante la sua carcerazione mi ero preso le piazze di Cavalleggeri e non gli mandassi i soldi in carcere. Il mandante è stato Alessandro Giannelli e vi partecipò anche Genny Carra. Queste notizie le ho apprese da Roberto Pinto». Dichiarazioni che necessitano ovviamente di un ulteriore riscontro ma che potrebbero essere l’incipit di nuovi retroscena.

L’articolo precedente: le richieste di ergastolo per i ras di Cavalleggeri

Tre ergastoli e una sfilza di anni di carcere. Questa la richiesta avanzata dal pm della Dda di Napoli De Falco nei confronti di ras e gregari del clan Giannelli, gruppo attivo tra Cavalleggeri d’Aosta e Bagnoli. Si tratta delle persone arrestate nel corso del maxi blitz del novembre dell’anno scorso che rispondevano di associazione di stampo mafioso, estorsione e (per tre di loro) dell’omicidio di Rodolfo Zinco. Il giovane ras fu ucciso nell’aprile del 2015 in un agguato maturato nell’ambito dei contrasti tra gruppi nella zona flegrea. Gli arresti furono effettuati dai carabinieri del Comando provinciale di Napoli (leggi qui l’articolo). Per i tre imputati che rispondono dell’omicidio il pm ha chiesto l’ergastolo: si tratta di Alessandro Giannelli, indicato come capo del gruppo di Cavalleggeri d’Aosta, Patrizio Allard e Maurizio Bitonto. Queste le richieste per gli altri imputati: Marco Battipaglia 14 anni, Francesco Cotugno 14 anni, Alessandro De Falco 8 anni, Pasquale De Vita 8 anni, Diego Iuliano 8 anni, Gennaro Marrazzo 14 anni e Aniello Mosella 10 anni e 8 mesi. Nel collegio difensivo gli avvocati Leopoldo PeroneRocco Maria SpinaAntonio RizzoFabio SegretiRaffaele De CiccoGiuseppina De RosaMirella Baldascino.

Le accuse di Salvatore Romano ai Giannelli

Il primo a parlare di quell’omicidio e del coinvolgimento di Giannelli è stato l’ex ras dei Mele Salvatore Romano ‘muoll muoll’:«Giannelli, nel suggerire di non fare atti dimostrativi, a suo dire inutili, fece riferimento a Rodolfo Zinco ‘ gemell; ed infatti fece l’esempio di come lui aveva gestito Zinco il quale, dopo lo stato di detenzione, uscito dal carcere voleva impadronirsi delle zone di competenza di Giannelli sicchè egli lo aveva rassicurato del fatto che avrebbero diviso al 50% gli introiti degli affari criminali ma poi ne aveva ordinato l’omicidio. Successivamente Vincenzo Mele mi ha raccontato cosa era successo a Zinco. Mele mi riferì che lui non aveva avuto un ruolo particolare in questo omicidio ma si era limitato ad accompagnare nel luogo dove era stato ucciso ‘o gemell gli autori materiali ossia Genny Carra e Patrizio della 44; mi ha anche riferito che sul luogo del fatto Giannelli aveva salutato ‘o gemell dandogli la mano e poi era andato via a bordo di un motorino. Di tale delitto ho sentito parlare anche personalmente da Patrizio e Genny Carra; precisamente nel corso di un incontro avvenuto nella 44 tra me, Vincenzo Mele, Genny Carra, Patrizio e Calone di Posillipo ricordo che Patrizio diceva che questo omicidio lo avrebbero ‘pagato’ lui e Carra perchè secondo lui sarebbero stati individuati dalle forze dell’ordine in quanto si erano dovuti allontanare a piedi dal luogo del delitto perchè la vettura di appoggio, fornita da Giannelli, non funzionava».

Il racconto di Carra sul ras di Cavalleggeri

Ancora più preciso Genny Carra, ex numero due del clan Cutolo della zona della 44. Un vero e proprio ciclone con le sue dichiarazioni:«Ho partecipato all’omicidio di Rodolfo Zinco ‘o gemell sia come mandante che come esecutore anche se non ho sparato. Dopo la scarcerazione di Rodolfo Zinco Giannelli venne da me a lamentarsi del fatto che Zinco voleva controllare le attività illecite su Bagnoli, Agnano e Cavalleggeri. Ci riunimmo con Giannelli e con Calone per preparare l’omicidio. Il giorno dell’omicidio alle 17,30 io, il Giannelli, il Catone, Allard ci trovammo sotto al porticato a via Marco Aurelio. Il Giannelli ad un certo punto si allontanò per organizzare la fase esecutiva».

I preparativi del delitto

Carra poi prosegue: «Egli stesso mandò Mele Vincenzo a prendere (omissis) e Allard per portarli nell’abitazione di Cavalleggeri D’Aosta come base di appoggio. Il Mele si presentò con un’auto Lancia Y Elefantino di colore nero. Mi meravigliai della presenza del Mele Vincenzo che sapevo essere il reggente del clan Mele di Pianura. Il Mele accompagnò Allard ed (omissis) Rimasi perplesso di questa cosa e per tale racione mi indussi a partecipare anch’io all’azione con il compito di controllare che tutto andasse bene. Ad ogni modo il Mele dopo aver accompagnato i due se ne andò».

La descrizione dell’agguato

Sempre Carra racconta:«Per ii segnale di uno squillo avevamo due telefoni “puliti” che la settimana prima aveva acquistato Maurizio Bitonto, il quale sapeva delle nostre intenzioni. Credo che il Bitonto Maurizio abbia accompagnato il Giannelli all’incontro con lo Zinco. L’altro telefono lo aveva il Giannelli e fece lo squillo. Giunto lo squillo dissi ai due affiliati di partire senza dirgli che li avrei seguiti con lo scooter. Arrivati sul posto ho assistito alla scena. In particolare ho visto il Giannelli e lo Zinco dialogare fuori al bar e all’arrivo dell’autovettura guidata da Allard, il Giannelli “staccarsi” e andare in direzione opposta a quella dello Zinco, il quale, come previsto, appena vide scendere dalla macchina armato e con il volto travisato, scappò nel vicoletto in direzione della sua abitazione. La macchina marca Ford con i killer arrivò in velocità. Zinco fu colpito due volte alla schiena ed una volta alla testa mentre il quarto colpo andò a vuoto»

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Napoli. Pazzo per la cioccolata, ruba 18 confezioni al supermercato: arrestato

Stamattina gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria