Giovedì di terrore nell’area Nord di Napoli. Un agguato e una stesa in poche ore.

Colpi di pistola esplosi in via dell’Abbondanza a Marianella, con i proiettili conficcatisi in alcuni esercizi commerciali. A raccontare l’episodio alcuni residenti del quartiere a Nord di Napoli. La sparatoria sarebbe accaduta attorno alle 14.30 nei pressi della chiesa San Giovanni Battista in via dell’Abbondanza. Dalle testimonianze, a sparare sarebbero state alcune persone in sella ad alcuni scooter. Non si registrano feriti.

Camorra in azione a Miano, identificato il bersaglio dei sicari: è un ex Di Lauro

Tensione di nuovo altissima nell’area a Nord di Napoli, un 38enne, Salvatore di Caprio, è stato ferito in un agguato probabilmente di stampo camorristico. Il raid è avvenuto a Miano, zona periferica dell’area nord di Napoli. L’uomo è rimasto ferito alle gambe da alcuni proiettili, esplosi da alcune persone e lasciato lì a terra. Il ferito è stato trasportato d’urgenza prima al San Giovanni Bosco poi all’ospedale del Mare da una persona che poi si è dileguata. Ha perso sangue ma non è in pericolo di vita. E’ stato colpito alla gamba destra mentre si trovava in strada via Miano-Capodimonte.

Le indagini sono affidate agli agenti della Squadra Mobile di Napoli. Di Caprio è un personaggio noto alle cronache locali. Era stato scarcerato da qualche mese ed in passato aveva avuto, secondo gli inquirenti, una ‘frequentazione’ con soggetti vicini al clan Di Lauro con cui sarebbe stato controllato.  Otto anni fa, infatti, fu arrestato nell’ambito di un’operazioneche portò alla cattura di diversi ppartenenti alla cosca Di Lauro del Rione dei Fiori. Dopo il carcere e l’espiazione della pena, Di Caprio avrebbe cambiato giro criminale avvicinandosi ad un clan di Napoli. Sul raid non ha fornito nessuna spiegazione agli inquirenti.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.