In Italia si torna a scuola ma c’è subito un positivo, sei studenti in isolamento

verbania

Scuola chiusa per un caso di Covid. Succede a Verbania, nel più importante istituto superiore della città, il ‘Cobianchi’, dove l’attività didattica – informa la preside, Vincenza Maselli – sospesa da lunedì “per consentire lo svolgimento di un intervento di sanificazione dei locali. L’intervento si è reso necessario poiché un utente, entrato recentemente in Istituto, è risultato positivo al virus Covid-19”. Nella scuola si stavano svolgendo, dal 26 agosto, i corsi di recupero.

“La sicurezza degli alunni e di tutto il personale scolastico è, per l’istituto Cobianchi, prioritaria rispetto a qualsiasi altro interesse”, scrive la preside Vincenza Maselli nella nota sull’homepage del sito web. “La riapertura della scuola avverrà quando saranno terminati i lavori di sanificazione e si potrà così garantire l’accesso in totale sicurezza”. Il ‘Lorenzo Cobianchi’ di Verbania è un istituto fondato nel 1886, con formazione tecnica (Chimica, Meccanica ed Elettrotecnica, Informatica, Elettronica). Inoltre i licei: Biologico, Scienze Umane e Sociali, Linguistico-Moderno e Scientifico Tecnologico.

Una scuola media chiusa in Liguria dopo le misure prese dalla Regione per il Covid. Foto d'archivio © ANSA

“La sicurezza degli alunni e di tutto il personale scolastico è prioritaria rispetto a qualsiasi altro interesse”. Queste le parole della preside Vincenza Maselli nella nota sull’homepage del sito web. “La riapertura della scuola avverrà quando saranno terminati i lavori di sanificazione e si potrà garantire l’accesso in totale sicurezza”.

Potrebbe interessarti anche

Covid e scuola, i sindaci di Capri e Anacapri scrivono a De Luca: «Rinviare l’apertura al 24»

I sindaci di Capri, Marino Lembo, e di Anacapri, Alessandro Scoppa, chiedono al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca di posticipare l’apertura dell’anno scolastico 2020-2021 «almeno a dopo le elezioni», cioè al 24 settembre. Nella lettera congiunta, i sindaci dell’isola azzurra spiegano di condividere l’appello lanciato in tal senso dall’Anci Campania. «Le problematiche peculiari del territorio isolano», a partire dal ritardo che «ogni anno le nostre scuole subiscono nel completare gli organici del personale, in quanto la maggior parte partecipa a operazioni di trasferimento o assegnazione provvisoria», il che «rende difficoltoso l’avvio tranquillo dell’anno scolastico anche in momenti ordinari».

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.