Infiltrazioni del clan Mallardo nel mercato di Giugliano, al via il processo d’Appello

E’ stata celebrata stamattina la prima udienza del processo di Appello a carico dei presunti esponenti del clan Mallardo accusati di infiltrazioni nel mercato ortofrutticolo di Giugliano. Nell’aula 315 del tribunale di Napoli, alle ore 9, si è tenuta la prima tappa del procedimento davanti alla Corte di Appello di Napoli, Quinta Sezione Penale, Presidente Dottoressa Maria Rosaria Salzano. Il processo è stato rinviato al primo ottobre, quando ci sarà la relazione del Consigliere relatore della Corte di Appello Dott. Stefano Risolo e la requisitoria del Procuratore Generale.
L’unico assolto in primo grado fu Antonio Picardi, figlio di Patrizio Picardi. La pena più pesante fu inflitta a Sossio Capasso. Di seguito le condanne che furono comminate.

La sentenza di primo grado

3 anni e 6 mesi per Frontoso Libero (avv. Salvatore Capasso) LIBERO
8 anni e 6 mesi per D’Alterio Salvatore  (avv. Alfonso Palumbo e Leopoldo Perone) DETENUTO
7 anni per D’Alterio Agostino  (avv. Marco Sepe e Paolo Trofino) DETENUTO
7 anni e 6 mesi per Veneruso Nunzio  (avv. Francesco Anastasio) AI DOMICILIARI
7 anni e 6 mesi per Panico Giulio (avv. Antonio Giuliano Russo e Alfonso Quarto) AI DOMICILIARI
11 anni e 8 mesi per Capasso Sossio  (avv. Antonio Nerone e Gian Paolo Schettino)
ASSOLUZIONE per Picardi Antonio (avv. Luigi Poziello e Carmela Maisto) LIBERO.