Insulti, schiaffi, calci e ‘cazzotti’ in faccia, finito l’incubo di una donna di Qualiano

Un 53enne incensurato di Qualiano è ritenuto responsabile di aver vessato, dal maggio scorso, la moglie 52enne.
I maltrattamenti si sono verificati sia fisicamente attraverso aggressioni a schiaffi, pugni e calci sia psicologicamente poiché l’uomo denigrava la moglie, la offendeva e la umiliava.
La donna ha patito in silenzio per mesi fin quando, arrivata al limite delle sofferenze, e si è decisa a denunciare. Si è rivolta ai carabinieri della stazione di Qualiano i quali hanno accertato le circostanze delle violenze richiedendo quindi all’a.g. di Napoli Nord l’emissione di una misura cautelare nei confronti dell’indagato.

Alla luce del quadro probatorio, la procura di Napoli-Mord che ha coordinato le indagini ha ottenuto dal g.i.p. un’ordinanza di custodia cautelare per maltrattamenti in famiglia.
A dare esecuzione al provvedimento i carabinieri della stazione di Qualiano che hanno tratto in arresto il 53enne traducendolo ai domiciliari nella propria abitazione di residenza a Castellammare di Stabia.