Non c’è un bollettino medico ufficiale, ma le condizioni di salute di Giuseppe Capriati, 33enne di Caserta conosciuto ai più come Joseph Capriati, dj di caratura internazionale, sono stabili e con prognosi ancora riservata.

Secondo quanto riportato da fonti mediche, scrive FanPage.it, Joseph Capriati ha reagito bene all’intervento e non è in pericolo imminente di vita. Trattandosi di una ferita da taglio al polmone ovviamente il suo quadro clinico resta serio e sotto continuo monitoraggio.

“Vi ringraziamo di cuore per l’affetto che ci state dimostrando. Fan, colleghi e amici. Ci teniamo a rassicurarvi che Joseph non è in pericolo di vita, e vi abbraccia. Grazie a tutti”, scrive la sua agenzia su Facebook.

Anche il sindaco di Caserta, Carlo Marino, sui social scrive: “L’intervento al quale è stato sottoposto Joseph Capriati è andato bene, ora non ci resta che pregare per lui.Forza Joseph! Ti aspettiamo presto nuovamente in Comune per programmare insieme qualche bella iniziativa per la nostra città. La tua Caserta è con te”.

Prima la lite, poi la coltellata per dividere i fratelli: così è stato ferito il dj Joseph Capriati

Emergono altri particolare sull’accoltellamento di Joseph Capiriati. Stando alla ricostruzione degli agenti, infatti, prima di essere ferito Joseph Capriati avrebbe colpito il padre con un pugno al volto e il fratello col portavasi. Poi, nel tentativo di dividere i due fratelli, il padre ha preso il coltello ferendo il figlio. È stato lo stesso Pietro, papà dei 2 fratelli, a confessare ai poliziotti di aver usato “l’arma” contro il figlio.

La notizia

Joseph Capriati, dj produttore noto a livello internazionale 33enne, è stato accoltellato dal padre. Il giovane attualmente è in pericolo di vita all’ospedale di Caserta, mentre il padre – 51 anni, incensurato – è finito in manette per tentato omicidio. Per quest’ultimo è scattato il trasporto in carcere.

Secondo le indagini della polizia, il ferimento di Joseph Capriati è avvenuto a seguito di una lite, che ha coinvolto il ragazzo ed alcuni familiari, tra cui il padre, che ha impugnato un coltello da cucina e l’ha colpito al torace. I poliziotti hanno trovato e sequestrato l’arma. Il dj vive in Spagna – scrive Repubblica – ma a causa del blocco Covid era ritornato nella sua casa a Caserta.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.