21.1 C
Napoli
sabato, Maggio 21, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Mancanza di aule e vietato l’uso dei telefonini, proteste al Tassinari di Pozzuoli


Gli studenti dell’Isis Tassinari di Pozzuoli stanno conducendo due giorni di proteste. Ieri i ragazzi hanno condotto un sit-in occupando i corridoi dell’istituto, così come, stamattina, hanno denunciato, attraverso un sit-out, le mancanze strutturali della scuola come l’assenza di aule e di laboratori. Gli alunni attendono l’apertura della nuova sede di via Fasano, rimandata a causa dalla lentezza dei lavori di ristrutturazione dell’edificio.

Inoltre i ragazzi stanno protestando anche contro l’ultima direttiva emanata della dirigente scolastica: “Si invitano tutti gli alunni a non portare il cellulare a scuola se non per motivi strettamente necessari. Pertanto si ricorda, così come già indicato nella Com.43 del 14/10/2021 pubblicata sul sito della scuola, che ai sensi della Direttiva ministeriale n.30 del 15/3/2007 nonché del Regolamento d’Istituto (delibera n.2 del 30/09/2021) di questa scuola, è assolutamente vietato l’uso di cellulari durante le attività se non per uso esclusivamente didattico dichiarato dal Docente. A tal proposito gli allievi depositeranno il cellulare dalla prima ora sulla cattedra e lo ritireranno a fine attività”.

LE MOTIVAZIONE DEGLI STUDENTI DEL TASSINARI

Denunciamo come vergognoso il prepotente e volutamente intimidatorio comportamento delle forze dell’ordine abbiamo vissuto durante la mattinata di ieri. Ecco perché abbiamo deciso di fare un sit-in anche oggi fuori scuola. Noi continueremo a combattere per ricevere la sicurezza necessaria all’interno delle scuole, per difendere i nostri diritti e per tutelare tutte e tutti. Il Tassinari ieri, oggi e finché sarà necessario , nella sua totalità, ha protestato con un sit-in per dimostrare la nostra volontà di essere ascoltati. Non ci fermeremo alla prima intimidazione né da parte delle forze dell’ordine né da nessun altro“, scrivono gli attivisti del Noi Collettivo Autorganizzato Tassinari e Studenti Autorganizzati Campani. 

Sono sempre più frequenti le dimostrazioni di mancanza di comunicazione che la nostra scuola ci da e che ci portano a volerci opporre: l’ultima comunicazione che vieta l’utilizzo dei telefoni a scuola e impone di posizionarlo sulla cattedra, su un banco o in una scatola. la palazzina, i quali lavori continuano ad essere posticipati da mesi ormai è chiusa raggirando tutte le promesse che ci sono state fatte da ormai da un anno. I continui tentativi caduti nel vuoto finalizzati alla ricerca di un dialogo con la dirigente scolastica che hanno minato la volontà di essere attivi e battersi per ciò in cui si crede, nonostante questa pandemia abbia fatto tanti danni in ognuno di noi, il desiderio di poter cambiare ciò che a noi appare ingiusto è più forte“, conclude la nota dei Comitati.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Alessandro Caracciolo
Redattore del giornale online Internapoli.it. Iscritto all’albo dei giornalisti pubblicisti dal 2013.
- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Hannibal non dà tregua all’Italia, temperature ‘di fuoco’ fino alla prossima settimana

Hannibal non dà tregua: previsioni meteo con caldo torrido. Sarà una domenica più tipica di luglio che di maggio a livello...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria