Marano. Stipendi arretrati, dipendenti Tekra incrociano le braccia. Protesta in comune

Mancata raccolta dei rifiuti, i dipendenti della ditta Tekra proclamano lo sciopero. I lavoratori, già in stato d’agitazione da giorni, reclamano il pagamento di due stipendi arretrati e questa mattina terranno un sit-in di protesta dinanzi la Casa Comunale. «Vogliamo immediate risposte dal Comune e dalla società – affermano al nostro portale – Nonostante richieste di chiarimenti la realtà è una sola e cioè che i nostri stipendi non sono ancora stati accreditati». In nottata al cantiere della Tekra i dipendenti hanno affisso due striscioni con su scritto “Il lavoro è dignità, non carità’’ e “stipendi subito’’. In città la condizione peggiore in relazione alla mancata raccolta dei materiali la stanno vivendo i residenti delle periferie, da San Rocco al Poggio Vallesana, con numerose lamentele in atto ed è facile prevedere un peggioramento dopo la proclamazione dello sciopero da parte degli addetti Tekra, a meno che la ditta e il Comune non riescano a trovare una immediata soluzione che soddisfi i lavoratori.

Nelle scorse ore sempre ad InterNapoli.it il primo cittadino Rodolfo Visconti aveva dichiarato come il Comune stesse «tamponando con tutte le forze a disposizione» dell’Ente la situazione non escludendo l’applicazione alla ditta di una «multa non è concepibile che Marano si lascino i rifiuti a terra».