Neonato ustionato a Napoli: nessun miglioramento

Non giungono buone notizie dall’ospedale Santobono di Napoli. Il neonato arrivato con gravi ustioni all’ospedale specializzato di Napoli non mostra miglioramenti rispetto ai giorni scorsi. I medici, si apprende, non riportano nemmeno peggioramenti, un piccolo elemento di speranza per il piccolo attorno cui si è stretta tutta la città. Il bambino di pochi giorni è stato sottoposto ad un nuovo intervento per la rimozione del tessuto necrotico dovuto alle lesioni e alle ustioni. Lo si apprende da una testimonianza del consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli. I medici tengono sotto osservazione il neonato, sperando che le sue condizioni possano migliorare e dichiararlo fuori pericolo.

Il gip del Tribunale di Napoli Rosaria Maria Aufieri ha convalidato l’arresto di Concetto Bocchetti, 46 anni, e Alessandra Terracciano, 36, i genitori del neonato venuto alla luce il 12 marzo in casa a Portici, in provincia di Napoli, e ancora ricoverato in prognosi riservata per ustioni sul corpo all’ospedale Santobono a Napoli. Nella notte del 17 marzo, la coppia è stata sottoposta ad arresto con l’accusa di abbandono di minori e maltrattamenti con lesioni gravissime.

Il provvedimento è stato emesso dal sostituto procuratore di Napoli Francesca De Renzis e dal procuratore aggiunto Raffaello Falcone ed eseguito dai Carabinieri. L’uomo è stato condotto al carcere di Poggioreale mentre la donna è piantonata all’Ospedale del Mare di Napoli. Verrà interrogata appena i medici daranno il loro nullaosta.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.