guardia di costiera Soccorsi sulle spiagge a Napoli, malori in mare e incidenti sugli scogli
Foto di repertorio

Soccorsi sulle spiagge a Napoli, malori in mare e incidenti sugli scogli. Continua l’attività di assistenza, soccorso e controllo della Guardia Costiera della Campania, che, anche nella scorsa settimana, schierava uomini, donne e mezzi, lungo le spiagge e l’intero litorale della regione. Le attività effettuate consentivano di portare in salvo decine di persone e prevenire un numero ancor più elevato di eventi potenzialmente drammatici grazie alla strategica valorizzazione delle risorse basata anche sull’analisi costante di numeri, luoghi e tipologie di intervento.

Tra gli eventi possono essere citati quello in favore di 6 persone a bordo di una unità che rischiava di affondare nelle acque di Salerno e la ricerca. Inoltre rinvenuto in stato confusionale un altro bagnante che era alla deriva su un piccolo gonfiabile nelle acque davanti Napoli.

SOCCORSI IN MARE, INTERVENTI SU SPIAGGE E SCOGLIERE

Numerosi sono stati gli interventi di assistenza su spiagge e scogliere impervie in favore di turisti infortunati. Tratti non raggiungibili o trasportabili se non con i mezzi minori del corpo. Ben 6 gli interventi in tal senso in favore di altrettante persone colte da gravi malori o vittime di fratture che sono state affidate alle cure dei sanitari. Fruttuosamente soccorse grazie alle spiccate competenze tecniche dei comandanti dei battelli pneumatici della Guardia Costiera.

SCATTANO LE MULTE 

Diverse le condotte illegittime o illecite accertate e sanzionate, nell’ambito dell’attività “mare sicuro” in occasione dei controlli alle unità da diporto ed agli stabilimenti balneari.
Non sono mancate le attività di controllo sulla filiera della pesca e a tutela dell’ambiente. Sequestrati di frutti di mare non commercializzabili in quanto nocivi alla salute ed al controllo di scarichi ed immissioni non autorizzate in mare.

Sono 155 i verbali amministrativi contestati e sette le notizie di reato inoltrate alle competenti autorità giudiziarie. Sulla base dell’analisi dei più recenti interventi si continua a raccomandare prudenza. Soprattutto quando ci si reca, via terra, su scogliere o in baie poco accessibili.  Si ricorda, inoltre, la necessità di un controllo attento sulla affidabilità delle proprie imbarcazioni e soprattutto rigoroso rispetto delle regole.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.