pistola ponticelli napoli
Le foto pubblicate dai carabinieri

Blitz nel rione Conocal a Ponticelli, pistola ritrovata nel chiosco dei gelati. I carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli arrestavano un 23enne incensurato residente nel quartiere. Accusato di detenzione di arma comune da sparo e di droga a fini di spaccio.

Durante un servizio di controllo del territorio è stato sorpreso in Via Al chiaro di Luna, rione Conocal. Era vicino ad un chioschetto ambulante per gelati all’interno del quale i militari trovavano una pistola Bernardelli calibro 9 x 21 con un serbatoio contenente otto colpi.

UNA PISTOLA RUBATA NEL 1998

L’arma è risultata rubata a Napoli nel 1998. Durante una perquisizione nella sua abitazione i militari, inoltre, rinvenivano e sequestravano 4 grammi di marijuana e un panetto di hashish del peso di 95 grammi. Il ventenne arrestato si trova nel carcere di Poggioreale.

Guerra a Ponticelli:«De Luca Bossa e gli XX controllano con i loro alleati sei rioni»

Un quartiere diviso in sei parti. Sei zone su cui si gioca lo scontro tra i De Luca Bossa del lotto O e i De Martino XX ‘costola’ del clan De Micco. Geopolitica del crimine dove potere criminale e controllo del territorio rappresentano i fattori decisivi su cui si innestano gli equilibri dei gruppi contrapposti. Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti nelle ordinanze di custodia cautelare che in questi mesi hanno raggiunto ras e gregari di entrambi gli schieramenti sono sei i complessi di edilizia popolare dove è maggiore l’insistenza dei clan. In via Luigi Franciosa e strade limitrofe, zona nota come aret ‘a Barra, è presente la famiglia Casella, attualmente parte del gruppo Minichini-De Luca Bossa. Nel rione Fiat c’è invece la famiglia De Martino, detta XX ‘costola’ dei De Micco. Nel Lotto O il clan De Luca Bossa.

RIONE CONOCAL ROCCAFORTE DEL CLAN

Invece nel Parco Conocal, storica roccaforte dei D’Amico detti Fraulella, in seguito alla disarticolazione degli stessi D’Amico e dei De Micco, opera adesso il clan De Luca Bossa, in collaborazione con il gruppo Aprea che del cartello è l’articolazione nel confinante quartiere di Barra. Infine c’è il complesso delle cinque torri posto tra via Malibran e via Argine dove c’è un gruppo che fa capo ai De Luca Bossa e ai Casella e i cui principali referenti sono individuati in Domenico Di Pierno, alias ’o bill, e Luca La Penna, detto Luchetto, uno dei fermati di qualche giorno fa (leggi qui l’articolo).

Guerra a Ponticelli:«De Luca Bossa e gli XX controllano con i loro alleati sei rioni»

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.