Il raid di inizio aprile scorso rischiava di non rimanere impunito e così hanno deciso di scappare da Napoli. Questa la conseguenza degli spari avvenuti al rione Sanità dove due quindicenni della zona del Vasto-Arenaccia (uno dei quali figlio di un boss dei Bosti-Contini, Roberto Murano, attualmente in carcere per associazione mafiosa) furono colpiti alle gambe da colpi di arma da fuoco, fortunatamente non in modo grave. Secondo quanto è stato ricostruito dagli inquirenti, la «punizione» sarebbe scaturita da una lite per motivi di droga. Ma l’episodio ha innescato una forte fibrillazione negli ambienti criminali, perché ad aprire il fuoco sarebbero stati dei malavitosi maggiorenni legati ad ambienti dei Mazzarella. E allora, secondo quanto emerge dalle indagini, i ras dell’Alleanza di Secondigliano starebbe cercando vendetta, e si sarebbe messa sulle tracce dei sicari, per fargliela pagare. Questo quanto è stata riportato dal quotidiano Il Mattino, nell’articolo a firma di Leandro Del Gaudio.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.