Sette rapine e un sequestro di persona in un mese tra Napoli e il Vesuviano: 3 arresti

Agivano sempre con lo stesso modus operandi e in due mesi avevano commesso 7 rapine, 6 ad altrettanti supermercati e una a uno studio legale. Arrivavano su scooter e facevano irruzione armati di pistola e col volto travisato razziando a man bassa denaro tra addetti alle casse e clienti terrorizzati. In altro caso avevano rapinato i clienti e il titolare di uno studio legale rinchiudendo poi tutti nello stanzino dello studio prima di darsi alla fuga.

Stamattina, dopo indagini coordinate dalla Procura di Napoli,  i Carabinieri della Stazione di San Giorgio a Cremano hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP partenopeo. Si tratta di 3 persone ritenute responsabili di rapina in concorso e ritenute autori, a vario titolo, di diverse rapine: il 14 marzo 2018 a Portici, all’interno di uno studio legale si erano fatti consegnare dal titolare dello studio e dai clienti 440 euro in contante, un orologio e uno smartphone; prima di darsi alla fuga avevano chiuso le vittime nel ripostiglio. Il 5 aprile, in un supermercato di Ercolano, si sono fatti consegnare dai dipendenti circa 2.000 euro, mentre il giorno dopo, il 6 aprile, in altro supermercato ma a Portici, avevano rapinato altri 2.000 euro circa. Il 10 aprile a Cercola avevano rapinato 1.600 in un supermercato ed il giorno dopo a San Giorgio a Cremano si erano fatti consegnare dai dipendenti di un supermercato contante per circa 2.000 euro. Il 12 aprile a Napoli, nel quartiere Barra, avevano costretto i dipendenti di un supermercato a consegnare circa 1.000 euro e, infine, il 14 aprile ad Ottaviano, avevano rapinato i dipendenti di un supermercato di circa 2.000 euro.

La loro identificazione è avvenuta a seguito di indagini, sia di natura tecnica che tradizionale, partite con l’esame di immagini di videosorveglianza, proseguite con servizi di osservazione, controllo e pedinamento, culminate con individuazioni di persona e perquisizioni. Uno del trio, un 42enne, ha commesso i raid insieme ai complici più giovani in stato di semilibertà, misura alla quale era stato sottoposto dopo aver scontato 10 anni di reclusione per rapina. La sera, dopo i raid, rientrava nell’istituto penitenziario.