Lite per droga finisce nel sangue in Campania: un morto e un ferito in agguato

Uomo ucciso in un agguato

Un uomo di 50 anni è rimasto ucciso e un altro di 32 anni è stato gravemente ferito nella tarda serata di ieri a Mercato San Severino, in provincia di Salerno. A distanza di poco, arrestato il presunto assassino, di 35 anni, individuato dai carabinieri della locale compagnia.

La ricostruzione degli inquirenti

Secondo la ricostruzione fornita dai militari, l’uomo sotto accusa, di Baronissi, sempre in provincia di Salerno, con piccoli precedenti penali, al termine di una lite con due pregiudicati del posto, ha esploso sei colpi di pistola calibro 357 Magnum, colpendo mortalmente uno di loro e ferendo il secondo in modo grave. Quest’ultimo ha anche tentato di darsi alla fuga con la sua autovettura. Successivamente schiantatosi contro un palo della luce dopo aver perso conoscenza a causa dell’eccessiva perdita di sangue. L’omicidio si è consumato intorno alle 23 di ieri in una frazione periferica del paese sotto gli occhi di alcuni parenti della vittima. Prima dell’omicidio, riferiscono i carabinieri, i due hanno litigato con l’omicida per un accordo saltato su questioni di droga. Subito dopo l’uomo è andato via per poi tornare con l’arma con la quale avrebbe poi colpito all’arteria femorale il cinquantenne senza lasciargli scampo.

Sul posto sono immediatamente intervenuti i militari della sezione Investigazioni scientifiche del comando provinciale di Salerno. Sul posto anche il sostituto procuratore Angelo Rubano, di turno presso la Procura di Nocera Inferiore. Unitamente ai Carabinieri, ha sottoposto ad interrogatorio l’indagato che ha confessato alla presenza del proprio difensore di fiducia.