Diversi intossicati, con in più un bambino ricoverato al Santobono, quest’oggi ai Colli Aminei a causa di un incendio sviluppatosi in una palazzina all’incrocio con Salita Scudillo. Il rogo si è sviluppato all’interno di un appartamento posto agli ultimi piani per un probabile corto circuito. La portata delle fiamme hanno costretto i residenti dell’intero stabile, di quelli vicini e di chi si trovava in quel momento nella scuola privata Rossini all’evacuazione per evitare qualsiasi. Laboriose e lunghe le operazioni di spegnimento dell’incendio da parte delle numerose squadre di vigili del fuoco accorse ai Colli Aminei. A spaventare i presenti, i vari scoppi all’interno della casa incendiatasi. La grossa coltre di fumo nero e denso, visibile a diversi chilometri di distanza, ha intossicato alcune dei componenti dei nuclei familiari del palazzo. Un bambino, figlio di una coppia di condomini, è stato portato all’ospedale dopo aver respirato aria tossica. Le sue condizioni non desterebbero preoccupazioni ma resta sott’osservazione. «La coppia di anziani che abita l’appartamento incendiatosi mi ha raccontato di aver aperto un armadio e aver visto le fiamme, dando poi l’allarme. Per fortuna stanno bene» la testimonianza di Giuliana De Lorenzo, consigliera della Terza Municipalità accorsa sul posto.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.