24.5 C
Napoli
venerdì, Maggio 24, 2024
PUBBLICITÀ

Vaccino Covid, è scontro tra medici e virologi su terza e quarta dose

PUBBLICITÀ

Vaccino Covid: terza dose sì, Terza dose no. Secondo Nino Mazzone, vice presidente Fism (Federazione società medico-scientifiche italiane), è attualmente prematuro parlarne. In un’intervista rilasciata all’Adnkronos Salute ha fatto un accorato appello alle istituzioni: “Si possono sapere i tassi di reinfezione dei vaccinati per confrontarli con quelli degli ex pazienti Covid? Solo dopo – sostiene – potremmo discutere di terza dose”. 

Vaccino Covid, Mazzone: “Terza e quarta dose? Prematuro parlarne”

“Prima di parlarnespiega l’esperto è utile conoscere i dati a un anno di quante persone vaccinate che non avevano fatto l’infezione da Sars-CoV-2 si contagiano. Ci vuole chiarezza nel confrontare l’immunità naturale”, quella ottenuta superando la malattia, “e l’immunità acquisita” attraverso la vaccinazione. “Questo dato, che ancora non viene prodotto, è invece fondamentale ammonisce il medico per poter decidere una strategia che dovrà essere pianificata a livello mondiale”. Perché “qualora i tassi” di infezione di guariti e immunizzati “fossero simili, si potrebbero risparmiare milioni di dosi vaccinali”. Qualcosa come “300 milioni”, stima Mazzone, da donare “per la popolazione più vulnerabile di tutto il mondo” o comunque utili ad “accelerare enormemente la vaccinazione delle categorie che più ne hanno bisogno”.

PUBBLICITÀ

“Anche alla luce della variante Delta” per lo specialista “la risposta a pochi semplici quesiti (infetta i vaccinati, e quanto? Infetta i guariti, e quanto?) sarà fondamentale per poter impostare politiche di qualità basate su una metodologia scientifica”.

Mazzone ci tiene come prima cosa a “sgombrare il campo da ogni equivoco”, confermando che “oggi due cose appaiono fondamentali” e cioè “vaccinare tutti quelli che ne hanno bisogno” e “usare il Green pass per frequentare i luoghi chiusi, compresi bar e ristoranti”. Ciò premesso, sulla terza dose l’internista che ha vestito sia il camice sia il pigiama invita alla “prudenza”. La stessa che a suo avviso avrebbe dovuto portare già in prima battuta ad “aspettare a vaccinare i pazienti che hanno avuto il Covid. Si sarebbe potuto fare l’esame sierologico agli espostiragionae si sarebbero risparmiati milioni di dosi e possibili effetti collaterali”.

Vaccino Covid, Silvestri: “Serviranno terza e quarta dose”

Meno cauto il virologo Guido Silvestri che in un’intervista a Il Fatto Quotidiano spiega come per lui siano fondamentali la terza e quarta dose di vaccino: “Non credo sarà la fine del mondo, specie se questo riuscirà a ridurre i morti e a far circolare di meno il virus”.

“Se diciamo alle persone ‘vaccinatevi’, ma poi le teniamo chiuse in casa, mascherate e distanziate, quale sarebbe l’incentivo a vaccinarsi. Specie tra i soggetti a basso rischio? E un concetto banale”, spiega.

Infine Silvestri concorda sul fatto che in questo momento i contagi sono alimentati soprattutto da chi non ha fatto il vaccino: “Negli Usa la ‘quarta ondata’, che comunque è piuttosto modesta in termini di mortalità, sembra aver colpito soprattutto non-vaccinati, almeno in termini di malattia severa”.

 

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Interdittiva antimafia per onoranze funebri a Napoli e Pomigliano

Michele di Bari, prefetto di Napoli, ha emanato sette interdittive antimafia nei confronti di altrettante ditte nell'ambito dell'attività di...

Nella stessa categoria