23.9 C
Napoli
venerdì, Ottobre 7, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

[Video]. Vergogna a Napoli, nemmeno i morti riposano in pace: i ladri razziano i loculi al cimitero


Il Cimitero di Ponticelli subisce nel giro di poche settimane il secondo furto ad opera di ignoti che hanno fatto razzia di vasi in rame. Il primo episodio è avvenuto qualche giorno prima del scorso Natale, il secondo la notte cavallo tra il 5 ed il 6 il gennaio. Come segnalato anche da diversi cittadini al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, il pavimento della storica cappella di Sant’Anna, che ospita i resti di don Agostino Cozzolino, per anni sacerdote della basilica ‘Madonna della Neve’ di piazza Aprea, è stato ritrovato completamente ricoperto da mazzi di fiori dopo la razzia. Un vero e proprio sfregio.

“Chi non rispetta nemmeno i defunti ed il dolore dei loro cari è certamente un essere indegno di appartenere ad una società civile. Si tratta di un atto deplorevole, sia dal punto di vista della legalità, ovviamente, che da quello etico e morale.

Sempre più spesso i nostri cimiteri sono ostaggio dei vandali e dei delinquenti, oltre che dell’incuria. E’ tempo che si restituisca ai defunti, e ai loro familiari, dignità, decoro e sicurezza.”– ha commentato Borrelli.

Crollo al cimitero di Poggioreale, bare scoperchiate e oltre 200 loculi danneggiati

Crollo di due nicchie

All’interno del cimitero di Poggioreale, precisamente nella parte più antica, è crollato un’edificio della congrega e pare in realtà che molte aree del cimitero abbiano bisogno di manutenzione. Il signor Enzo, un incaricato della Congrega San Giovanni, ha riportato la notizia e a spiegato l’accaduto. “Abbiamo trovato le due cappelle crollate. Erano collegate dal muro maestro, quindi l’una ha trascinato giù l’altra” racconta Enzo. Le due cappelle in questione sembrerebbero quella di San Gioacchino e quella dei Dottori. Non si conosce ancora però la causa dell’accaduto, e quindi le dinamiche precise del crollo.

I problemi del cimitero di Poggioreale

 

Il cimitero presenta svariati problemi tecnici come precisa il consigliere Borrelli: “Sono anni che denunciamo le condizioni disastrose di questo cimitero“. Anche il signor Enzo spiega che in realtà l’intero complesso presenta delle difficoltà:”La situazione però è precaria per diverse aree del cimitero. Forse per problemi strutturali, forse a causa dei lavori per la circumvesuviana“. Uno degli accertamenti in corso al momento, infatti, sembra proprio essere sull’adiacente cantiere della metropolitana. Si stanno accertando se nell’effettivo ci siano dei collegamenti tra i lavori della metro e il cedimento. Il crollo ha provocato il danneggiamento di circa duecento loculi e la visione creatasi di seguito è ovviamente triste. Tra la macerie infatti si potevano scorgere i vari resti degli inumati.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Derubavano pendolari sugli autobus a via Foria, smascherati dal FaceID del cellulare

I pendolari erano le loro vittime designate, persone che, prese dalla fretta di raggiungere i luoghi di lavoro, viaggiavano...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria