30.2 C
Napoli
giovedì, Luglio 7, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Bimbo di 4 anni spara e ammazza il fratellino, credeva fosse una pistola giocattolo


Il tema delle armi negli Stati Uniti continua a non trovare una soluzione che eviti tragedie assurde come quella avvenuta ieri, martedì 22 maggio, in Virginia. Un bimbo di 4 anni ha sparato e ha ucciso il fratellino di 2 anni. Stavano giocando insieme e credeva fosse una pistola giocattolo. La vittima si chiamava Tyson Aponte.

E invece si trattava di un’arma vera e propria. L’episodio è avvenuto in casa alla presenza della mamma. Le autorità locali hanno messo in guardia tutte le famiglie con un appello: «È di fondamentale importanza assicurarsi che le armi siano protette e fuori dalla portata dei bambini», ha detto il maggiore Donald A. Lowe dell’ufficio dello sceriffo.

A lasciare perplessi è la facilità con cui il bimbo sia entrato in possesso di un’arma carica e pronta a sparare. La vicina Linda Eddy, che ha conosciuto la famiglia oltre dieci anni fa, ha descritto i genitori della vittima come buoni cristiani che hanno provveduto alla crescita dei loro figli e non si spiegano come possa essere accaduta una tale tragedia.

Secondo uno studio sono più di 1.000 ogni anno i bambini negli Stati Uniti che rimangono feriti da armi da fuoco in modo accidentale. Altri 4.500 quelli che rimangono coinvolti in aggressioni, suicidi, omicidi legati al settore delle armi, e circa 1.300 bambini muoiono a causa di tali ferite.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Poggioreale, la denuncia: “Scarcerazione negata a un detenuto di 270 chili e un ultranovantenne”

"Tenere in carcere un ultranovantenne, già da quattro anni in carcere, e un obeso di 270 chili, con problemi...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria