Bonus per chi paga con bancomat e carta di credito, Governo lavora al Decreto Agosto

pagare bancomat carta di credito bonus
Pagamento con bancomat e carta di credito

Previsti incentivi al momento dell’acquisto per chi paga con la carta di credito e con il bancomat. Questo è l’obiettivo del Governo che vuole dare una spinta ai consumi, attraverso lo stanziamento di 2 miliardi di euro nel prossimo Decreto di Agosto. Secondo l’Ansa l’Esecutivo potrebbe riunirsi già in settimana.

BONUS O SCONTI PER PAGAMENTI CON BANCOMAT E CARTA DI CREDITO

Oltre ai consumi in bar e ristoranti si starebbe valutando la possibilità di incentivare con uno sconto a carico dello Stato gli acquisti di abbigliamento o elettrodomestici, che sono tra i settori maggiormente in sofferenza. Resta, però, da stabilire anche il meccanismo di sconto, infatti, sono due le ipotesi sul tavolo del Governo: una card o con rimborsi direttamente ai contribuenti.

La scorsa settimana il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha annunciato che il provvedimento dovrebbe approdare in Consiglio dei Ministri nelle prossime ore. Per finanziarlo, il Governo ha chiesto al Parlamento l’autorizzazione a uno scostamento di bilancio da 25 miliardi. Tra le altre misure previste nel Decreto ci sono anche la proroga selettiva per la cassa integrazione e il prolungamento dello stop ai licenziamenti, seppur con alcuni paletti. La platea del bonus, che non dovrebbe avere limiti di reddito, dovrà fare i conti anche con le risorse disponibili in cassa. Il limite è quello dei 25 miliardi di nuovo deficit autorizzati dal Parlamento.

CONTE E IL PAGAMENTO CASHLESS

Non possiamo digitalizzare il Paese se rimarrà consistente l’economia sommersa, se una grande percentuale del Paese rimarrà sottratta alla digitalizzazione. La transizione verso il cashless, con una riduzione significativa del contante e l’emersione del sommerso, deve essere “dolce, fair, gentile“, senza imposizioni – dichiarò Giuseppe Conte lo scorso giugno Non abbiamo mai pensato di imporre penalizzazioni a chi non si conforma, come avete visto con il piano Italia cashless che consideriamo una buona pratica per stimolare i pagamenti digitali. Anche da un’Italia più digitale passa la strada per un Paese più equo”.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.