Nuovi bonus in arrivo, anche senza Isee: contributi per affitti, bebè, asili nido e canone

Bonus in arrivo nel 2021

Nuovi bonus in arrivo nei decreti del governo Conte. Dopo le prime fasi della pandemia, l’esecutivo italiano ha varato diversi incentivi nell’ambito dei decreti ristori. Tra i Paesi più colpiti al mondo dalla pandemia da covid, l’Italia ha varato una lunga serie di bonus accessibili con o senza distinzioni Isee.

Lo Stato italiano sta tentando di sostenere i lavoratori, le famiglie e le imprese duramente colpite dal Covid 19, attraverso una serie di provvedimenti adottati nei molteplici Decreti che si sono susseguiti nel tempo. Dal Cura Italia ai Decreti Ristori.

Molti degli aiuti e delle agevolazioni  volte a sostenere le famiglie sono stati prorogati anche per tutto il 2021. Per accedere ad un’ampia fetta di incentivi, di regola, il richiedente per fare domanda deve soddisfare dei requisiti. Tra questi, spessissimo, anche quello reddituale.

Al riguardo, gioca un ruolo fondamentale l’ISEE. Ossia l’Indicatore che serve a valutare e confrontare la situazione economica dei nuclei familiari che intendono chiedere una prestazione sociale agevolata. Questa appunto, la definizione dell’ISEE, dall’acronimo “Indicatore di Situazione Economica Equivalente”, riportata sul sito ufficiale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

 

I nuovi bonus

Tra gli aiuti e le agevolazioni previsti per le famiglie nel 2021 ritroviamo il Bonus nascita, il Bonus asilo nido ed il Bonus bebè. Nonché l’assegno unico per i figli a carico. Misure confermate anche per l’anno 2021. Cerchiamo, allora, di capire quali misure predisposte a favore delle famiglie, richiedono l’ISEE e quali non, ai fini della concessione e della quantificazione.

Il Bonus bebè

Il Bonus bebè è stato riconfermato anche per il 2021. E il richiedente ne potrà beneficiare  anche contemporaneamente all’assegno unico. L’importo dell’assegno per il Bonus bebè che l’INPS corrisponderà ogni mese alle famiglie per un anno, varierà in base al valore del modello ISEE. Il richiedente che non presenterà l’ISEE avrà ugualmente diritto a ricevere dall’INPS 80 euro al mese. Ossia l’importo del bonus previsto per l’ISEE superiore a 40.000 mila euro.

Il Bonus asilo nido

Anche il Bonus  asilo nido è una delle misure a sostegno delle famiglie che il Governo ha prorogato per l’anno 2021. Anche per questa prestazione, il richiedente potrà non presentare il modello ISEE. Sapendo che avrà diritto all’importo mensile stabilito per le famiglie con un ISEE oltre i 40.000 mila euro. Ovvero 1.500 euro.

Il Bonus nascita

Con il Bonus mamma “domani 2021” conosciuto anche come “Bonus nascita“, salvo novità nella Legge di Bilancio 2021, le future mamme potranno richiedere all’INPS un assegno unico di 800 euro. Per questa prestazione, a differenza delle altre, l’INPS eroga un assegno unico di 800 euro a figlio. E ciò indipendentemente dai requisiti reddituali o patrimoniali. Inoltre, l’assegno di 800 euro è netto. E non contribuisce a formare reddito ai fini fiscali.

Aiuti e agevolazioni per le famiglie

Tra gli aiuti e le agevolazioni previsti per le famiglie nel 2021 che, invece, richiedono, per la loro concessione, il modello ISEE ricordiamo, ad esempio, gli sconti sulle bollette di casa. Per accedere al contributo, le famiglie devono rispettare determinati limiti di reddito ISEE. Anche per le detrazioni delle spese dell’affitto, per la tassa sui rifiuti, per la riduzione e l’esenzione del canone Rai, per la carta acquisti 2021 e per molte altre prestazioni sociali sono richiesti determinati limiti di reddito ISEE.