De Luca chiede la linea dura in vista delle imminenti festività di Carnevale e San Valentino. Il presidente della Regione ha emanato poca una nota ufficiale: “Siamo alla vigilia di un fine settimana nel quale avremo il Carnevale e la festa di San Valentino. In un Paese nel quale i livelli di controllo sono ridotti a zero, è indispensabile che vi siano decisioni efficaci di contenimento degli assembramenti da parte del Ministero della Salute. Dobbiamo sapere che se in questi giorni avremo le strade e le piazze d’Italia nelle condizioni dello scorso fine settimana, dovremo aspettarci nelle settimane successive una vera e propria esplosione di contagi nel nostro Paese. Riteniamo urgenti e indispensabili misure nazionali di prevenzione e contenimento”.

Scuola: de Magistris, agire in modo chirurgico e puntuale

(”Sulla scuola bisogna agire in modo puntuale e chirurgico. Non si può decidere di pancia o in base alle differenti opinioni. Quindi appena avremo i dati dalla Regione valuteremo con la Asl, con la Prefettura, con la Regione con quello spirito di cooperazione che noi abbiamo sempre auspicato e che non abbiamo mai avuto dalla Regione”. Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a radio Crc, in merito al tema della scuola.

    Il sindaco ha sottolineato che la questione ”è seria perché bisogna tutelare il primo diritto che è la salute ma poi c’è anche il diritto all’istruzione che non può essere completamente tutelato con la Dad”. Rispetto alla posizione assunta dall’Unità di crisi regionale, de Magistris ha affermato: ”La Regione Campania ha dichiarato il suo fallimento sulla scuola.
Sono mesi che noi, gli studenti, la comunità scolastica chiediamo maggiore tutela sanitaria e inoltre nelle regioni in cui scuole sono aperte da tempo, il contagio è nettamente più basso. Questo dimostra che la scuola non è il focolaio principale e anche i dati nazionali evidenziano che la scuola continua a essere uno dei luoghi a più basso contagio”.
Pubblicità