7.4 C
Napoli
martedì, Gennaio 25, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Conte esonerato, comincia l’era di Maurizio Sarri al Chelsea


«Conte e il suo staff sono stati sollevati dall’incarico». Così l’inviato di Sky Sport, in diretta da Cobham, dove il Chelsea sta preparando la nuova stagione. L’impasse aveva fatto calare non poche ombre sull’ipotesi di arrivo di Maurizio Sarri a Londra. Conte, intanto, da contratto, aveva radunato il suo staff al centro sportivo per abbracciare giocatori e addetti ai lavori. Poi, subito testa al campo per la preparazione atletica e tattica. Intanto, il nome di Maurizio Sarri è rimasto lì, ai cancelli del centro sportivo di Cobahm. Come una sensazione che non si riesce a mandar via dalla testa. La suggestione di vedere il tecnico vice campione d’Italia alla guida di una delle rose più forti e interessanti d’Inghilterra ha tenuto in vita la speranza di moltissimi. Tifosi del Napoli compresi. Perché se è vero che carlo Ancelotti è già a lavoro nei laboratori verdi di Dimaro, è vero anche che nessuno – ma proprio nessuno – ha dimenticato il triennio del Comandate. Per tutti, dopo l’esonero del presidente De Laurentiis – perché questo è stato -, Sarri al Chelsea era un epilogo giusto. Meritato.

sarri-chelsea-conte-higuain
Maurizio Sarri subentra all’esonerato Antonio Conte: a breve l’ufficialità – Google

Conte e il suo staff stanno lasciando il centro allenamenti del Chelsea: Sarri in arrivo in città

Il Mister, il Professore o il Comandante: sono le parole a quantificare l’affetto e il rispetto guadagnato sul campo, alla guida del Napoli. E’, forse, anche per questo che la notizia dell’esonero di Antonio Conte ha generato non pochi sorrisi. Soprattutto a Napoli. Sarri al Chelsea è una vittoria di un progetto illuminante che solo per volere della proprietà del club partenopeo non continuerà all’ombra del Vesuvio. Continuerà eccome a Londra, a Stamford Bridge. Sarri avrà a disposizione una rosa dal valore altissimo e dal potenziale eccezionale. Si troverà a trasformare un’anonima accozzaglia di campioni in una fabbrica di calcio emozionante. Non che il Chelsea di Conte abbia fatto male. Ma volete mettere una sfida tra il Chelsea di Sarri e il Tottenham di Pochettino, il City di Guardiola, lo United di Mourinho? “Spettacolo” mode on, si potrebbe titolare. L’esonero di Conte e l’arrivo di Sarri, inoltre, sbloccano non pochi movimenti di calciomercato. La prima ufficialità sarà quella di Jorginho. Non più al Manchester City, sia chiaro.

sarri-chelsea-conte-higuain-calciomercato
Napoli’s forward Gonzalo Higuain celebrates with his head coach Maurizio Sarri sfter scoring the second goal of the Italian Serie A soccer match between Atalanta Calcio and SSC Napoli at ‘Atleti Azzurri d’Italia’ Stadium in Bergamo, 20 December 2015. ANSA/ MAGNI

Jorginho al Chelsea con Sarri: Rugani e Higuaìn i prossimi colpi?

Da tempo promesso al Manchester City di Pep Guardiola, Jorginho ha scelto di seguire colui che lo ha reso un regista eccezionale. La riconoscenza e la continuità progettuale, è evidente, esistono ancora nel calcio. Stando agli ultimi aggiornamenti di mercato, inoltre, il Chelsea sarebbe disposto a pagare il centrocampista centrale oramai ex Napoli ben 65 milioni di euro. Una plusvalenza enorme che, eventualmente, potrebbe essere utilizzata da Giuntoli per mettere a segno il colpo di mercato che tutti, a Napoli, aspettano e sperano. Il top player: Di Maria, Benzema, Cavani. O, forse, Robert Lewandowsky di cui vi abbiamo parlato qui. Ma quello del napoli, non è solo l’unico mercato dei big che sta per sbloccarsi. Con Sarri al Chelsea, con buonissima probabilità partiranno offerte per due giocatori da sempre in cima alla lista dei desideri del Comandante: Rugani e Higuaìn. Sarri al Chelsea, in ultimo, è un bene per il movimento calcistico internazionale. Un bene collettivo. Forse anche più dell’acquisto del secolo ufficializzato dalla Juventus.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Addio al reddito di cittadinanza, alcuni beneficiari lo perderanno a febbraio

Molti beneficiari del reddito di cittadinanza rischiano di perdere il beneficio. Le famiglie che hanno iniziato ad incassarlo dallo...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria