Easyjet chiude la base di Napoli: niente voli per la crisi coronavirus

Easyjet. Il coronavirus blocca i voli
Easyjet. Il coronavirus blocca i voli

La crisi Coronavirus investe ancora l’aeroporto di Napoli. Easyjet ha deciso che – per le conseguenze del coronavirus – i suoi aerei non faranno più base a Venezia e Napoli per la stagione invernale. A incidere sulla decisione è la “domanda anemica nel trasporto aereo”. La low cost, ha comunicato il gruppo, continuerà a volare sui due scali anche se con voli ridotti mentre le basi verranno reinstallate solo una volta che si avrà una ripresa del traffico aereo. I dipendenti continueranno a restare in congedo secondo la normativa italiana mentre Easyjet continua a dialogare con i sindacati per ampliare i tagli sulla sua rete. Secondo quanto comunicato dalla compagnia, il blocco è ufficializzato – momentaneamente – fino al 17 dicembre.

Il netto calo degli arrivi in città a causa dell’emergenza coronavirus ha fatto sì che la compagnia assumesse questa decisione. Importanti saranno i prossimi mesi e gli sviluppi del contagio da coronavirus in Campania e non solo. Il momentaneo blocco ufficializzato dalla compagnia è solo l’ultima delle ripercussioni sull’economia napoletana della pandemia. La speranza degli operatori è che entro il 17 dicembre si possa ritornare ad una situazione di stabilità che consenta la riapertura delle rotte da e verso Napoli.