Incidente sulla A16, Emanuele muore dopo due giorni di speranza: lutto a Sant’Antimo

Incidente sulla A16, Emanuele D'Agostino
Incidente sulla A16, Emanuele D'Agostino

Ha lottato tra la vita e la morte per due giorni, ma dopo 48 ore di speranza Emanuele D’Agostino non ce l’ha fatta. Il motociclista 41enne di Sant’Antimo, vittima di un incidente stradale sulla A16 aveva riportato diverse lesioni interne e un’emorragia cerebrale. Era il 29 giugno quando Emanuele stava percorrendo l’autostrada che collega la Campania con la Puglia, poi l’impatto contro l’auto di due anziani originari di Trento, sulla corsia di sorpasso. Immediati i soccorsi. I due anziani, sotto choc, non hanno riportato alcuna ferita, mentre per il centauro di Sant’Antimo le condizioni sono apparse subito critiche.

Ricoverato all’ospedale Moscati di Avellino, il motociclista era in condizioni molto gravi, a causa delle ferite subite nell’incidente: il personale sanitario aveva riscontrato un’emorragia cerebrale e diverse lesioni interne. I medici dell’azienda ospedaliera avevano deciso immediatamente di procedere con un intervento chirurgico, ma per il quarantunenne di Sant’Antimo non c’è stato nulla da fare. Si è spento nella notte a causa delle complicazioni delle ferite, evidentemente troppo gravi.

Resta da chiarire la dinamica dell’incidente avvenuto nei pressi del chilometro 28, in direzione Napoli. La Kawasaki ninja del 41enne santantimese si sarebbe schiantata contro l’auto dei due anziani che hanno fornito la loro ricostruzione alle forze dell’ordine. La loro auto procedeva sulla corsia di sorpasso, poi lo schianto. Il tratto di strada è rimasto chiuso per diverse ore per permettere il ripristino della viabilità e per effettuare tutti i rilievi del caso.