Lanciano oggetti dal balcone contro l’ambulanza ad Afragola, la denuncia dei medici

Oggi è stata segnalata un’altra aggressione nei confronti del personale di un’ambulanza. La denuncia è stata diffusa dalla pagina dell’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate: “Quando l’accoglienza non è delle migliori. Lancio di oggetti sulla ambulanza. 06/01/2020, ore 23.00 La postazione Casoria Saut viene allertata per un codice rosso ad Afragola nonostante il luogo dell’intervento fuori zona l’ambulanza arrivava sul posto in 6 minuti. All’arrivo dell’ambulanza la stessa viene colpita da numerosi oggetti gettati dal balcone e, nonostante le minacce subite nel percorrere le scale dell’abitazione, l’equipaggio esegue la rianimazione cardio -polmonare al paziente trovato incosciente”.

 

I CASI A NAPOLI

«Utilizzazione dell’Esercito? Certo, laddove nei Pronto soccorso non fosse possibile avere la Polizia, unità dell’Esercito potrebbero essere utili per arginare la violenza crescente contro il personale sanitario. È emergenza ormai».

Così all’ANSA il dottor Manuel Ruggiero, presidente di ‘Nessuno tocchi Ippocratè, che ha denunciato ieri il sequestro di un’ambulanza e del personale all’ospedale Loreto Mare di Napoli da parte di un gruppo di ragazzi per costringere gli operatori a soccorrere un 16enne con una distorsione al ginocchio.

Ragazzi sequestrano ambulanza e operatori sanitari del 118 a Napoli per costringerli a soccorrere un amico 16enne con una distorsione al ginocchio. La denuncia arriva dall’associazione ‘Nessuno Tocchi Ippocrate’ spiegando in un post su Fb che nel pomeriggio la postazione 118 della Stazione Centrale si trovava al Loreto mare e “improvvisamente nel pronto soccorso entra un gruppo di ragazzi che prende di forza l’equipaggio e li costringe a salire in ambulanza. Con 3 di questi individui a bordo (e sotto minaccia) l’equipaggio si dirige verso il quartiere ‘case nuove” retrostante al Loreto Mare…il mezzo giunge sul posto e da subito viene circondato da una orda di astanti inferociti che incominciano a ricoprire d’insulti i sanitari. Pensando al peggio il medico si fa largo tra la folla e, con sommo stupore, trova un ragazzino 16enne con distorsione al ginocchio!”. La situazione viene valutata dal medico “di lieve entità” eppure “l’equipaggio viene intimato, con minacce, a trasportare il giovane in ospedale”. Il dg della Asl Napoli 1 Centro, Ciro Verdoliva, parla di “punto di non ritorno” e annuncia la volontà di accelerare per l’installazione delle telecamere a bordo delle ambulanze e anche “a bordo uomo”. Il presidente della Croce Rossa di Napoli, Paolo Monorchio, invoca misure straordinarie, “una presenza dello Stato in tutte le sue articolazioni, a partire dalla Prefettura” e ricorda che un episodio analogo avvenne un anno e mezzo fa sempre al Loreto Mare: “Da allora nulla è cambiato” dice all’ANSA.