morto loris del campo festa morto salerno
Le foto di Loris del Campo

I festeggiamenti a Salerno per la promozione della squadra di calcio in serie A sono stati turbati ieri sera da un incidente mortale. Purtroppo ha perso la vita il tifoso Loris del Campo. Sul lungomare Trieste interveniva la Polizia municipale che sta indagando per accertare la dinamica dell’accaduto.

LE DEDICHE PER LORIS

Con lui c’era anche una ragazza. Le indagini sono state affidate al Comando della Polizia municipale di Salerno. Al momento i caschi dei due giovani sono stati sequestrati, così come il motociclo e una macchina che si trovava di passaggio in quei drammatici momenti.
Folla e commozione ieri sera all’arrivo della salma in obitorio. Tanti tifosi si sono recati a rendere omaggio a questa giovane vita spezzata. Intanto la salma è stata liberata dal pm incaricato ed è stata restituita ai familiari. Al cordoglio della comunità salernitana si aggiunge quello del sindaco di Vincenzo Napoli “fortemente addolorato”. Il ragazzo era molto conosciuto ed era un tifoso della Salernitana.

Tante le dediche per Loris: “Adesso anche tu sei nella Curva Del paradiso. Non riesco ancora a crederci ci Siamo salutati oggi pomeriggio e stasera questa notizia tragica… Fai Buon Viaggio fratelli“.

“Amo facevi parte di me ormai non dovevi lasciarmi così solo io e te sapevamo il bene che ci univa… Non si può dare una spiegazione al dolore, non c’è una giustificazione….ma non doveva andare così, Come si può scattare una foto ieri e piangerci sopra oggi… Spiegamelo amo come si fa… Come farò a non averti più per casa…amo dimmelo perché io non so spiegarmelo”, scrive Emilia.

“Una festa che diventa tragedia. La disperazione che cancella la gioia. Noi ne sappiamo qualcosa. La morte non ha colori, né rivalità. Riposa in pace”, scrive Michele

I FESTEGGIAMENTI

I tifosi della Salernitana hanno aspettato 23 anni, dopo la matematica certezza della promozione. La città si è riversata in strada per festeggiare il ritorno nella massima serie. La gioia incontenibile e appassionata non si è fatta attendere. Salerno si è colorata di granata. Tutti i quartieri, ancor prima del fischio finale della partita contro il Pescara, si sono riempiti di tifosi con sciarpe, cori, caroselli di auto e motorini sventolanti bandiere con il cavalluccio.

Manifestazioni irresponsabili stigmatizzate anche dall’ex sindaco, oggi presidente della Regione, Vincenzo De Luca. “Bisogna vivere questi momenti con gioia, ma con grande responsabilità. Facciamo in modo che questa giornata sia indimenticabile” ha ribadito l’ex primo cittadino.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.