Napoli, bruciavano rifiuti e nascondevano i residui in un container: arrestati

Immagine di repertorio

Cospargevano i rifiuti di liquido infiammabile nel cortile di un’azienda di traslochi e poi li incendiavano: sono così finiti in manette un 36enne e un 63enne, entrambi di San Giovanni a Teduccio e già noti alle forze dell’ordine.

Ad arrestarli i carabinieri del Nucleo Operativo di Poggioreale che, allertati da una colonna di fumo, hanno sorpreso i due soggetti ad incendiare una ingente quantità di rifiuti. I residui della combustione venivano poi stoccati in container metallici la cui destinazione non è ancora chiara. I due arrestati sono stati giudicati con rito direttissimo. In corso accertamenti dell’Arpac per verificare la natura dei rifiuti bruciati.