28.5 C
Napoli
mercoledì, Maggio 18, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

«Non l’ho ucciso perchè era l’ex della mia compagna», la rivelazione dell’ex boss


Carlo Lo Russo aveva pensato di uccidere Rosario De Stefano nonostante quest’ultimo fosse stato decisivo per la penetrazione dei killer alla Sanità in occasione dell’agguato a Pietro Esposito. E’ questa una delle rivelazione dell’ex capoclan di Miano sulla stagione di sangue iniziata nell’autunno del 2015 e non ancora terminata. «Sapeva troppo e all’inizio avevo pensato di uccidere Rosario per paura che potesse rivelare l’accaduto, ma poi lasciai perdere in quanto è comunque l’ex compagno di Antonella».

«Avevo saputo da Antonella (De Musis, la nuova compagna di Carlo Lo Russo, anch’ella collaboratrice di giustizia, ndr) che persona era questo Rosario, cioè un rapinatore e uno che faceva in particolare fili di banca. Gli dissi chiaramente che mi serviva un appoggio nella Sanità per uccidere Pietro Esposito: una casa. Lui si mise subito a disposizione, mi disse che si poteva fare e si offrì di fare il filo, di fare lo squillo con il telefonino come poi ha fatto. Ciro e Luigi erano presenti quando ho chiesto l’appoggio a Rosario, ma parlavo io e non loro. Si consideri che Ciro e Luigi sono conosciuti alla Sanità, Ciro ha anche dei parenti che vivono là ed era pericoloso farsi vedere in giro. Perciò dissi a Rosario di passare a prenderli durante la notte. Gli mostrai la casa in cui si appoggiavano e gli feci vedere anche il citofono. La notte stessa Rosario li andò a prendere e io tornai a casa mia, ma non parlai con mia moglie di questa organizzazione. Non potevo parlare con lei di Rosario, che era l’ex compagno di Antonella. Il giorno dopo, cioè il venerdì, come sempre andai da Antonella a Mugnano e mi sono intrattenuto aspettando che Ciro e Luigi (Perfetto e Cutarelli, ndr) venissero e mi facessero sapere. Loro mi avevano assicurato che si sarebbero ritirati solo a lavoro compiuto, cioè dopo aver ucciso Pietro Esposito».

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Napoli. Niente sussidi al reddito a chi non manda i figli a scuola ed ai parcheggiatori abusivi

La revoca delle indennità percepite dai genitori i cui figli risultino inadempienti agli obblighi scolastici è la misura di...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria