Pizza e caffè anche da asporto, vietato consumare fuori all’attività

Nell’ultimo Dpcm è stata chiarita anche la consumazione di pizza e caffè nella prossima fase due. L’articolo 1 permette anche l’attività da asporto:  “Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Resta consentita la
ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché la ristorazione con asporto fermo restando l’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, il divieto di consumare i prodotti all’interno dei locali e il divieto di sostare nelle immediate vicinanze degli stessi“.

Conte conferma l’autocertificazione: “Non si esce liberamente”