8.1 C
Napoli
venerdì, Gennaio 21, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Poggioreale, violentata dal suo titolare: una storia triste


Una triste storia. Una storia che parla di violenza sulle donne. Di nuovo. Siamo a Napoli, nel quartiere Poggioreale. I negozietti si susseguono a ripetizione, in serie. Animano i marciapiedi e colorano le strade che si snodano alle spalle della stazione Centrale. Le piccole attività commerciali sono porti sicuri per molti adolescenti che si affacciano al mondo del lavoro. Precario, spesso a nero e sottopagato. Ma pur sempre un lavoro. I ragazzi preferiscono dare una mano nelle botteghe, nei bar o nei ristoranti. Le ragazze prediligono i negozi di vestiario, le segreterie. Lavori puliti che richiedono garbo e bon ton. Le paghe sono vero e proprio ossigeno nei bilanci familiari. Alle volte, i rapporti con i datori di lavoro sono idilliaci. Altre volte, nascono screzi. Tutto nella norma, insomma. Purtroppo, mercoledì scorso nulla è stato normale.

poggioreale-mercato-quartiere
Mercato di Poggioreale, uno dei cuori pulsanti del quartiere – Blog

Il fatto di Poggioreale

Una ragazza appena maggiorenne è stata violentata dal suo datore di lavoro. Stando a quanto la vittima ha riferito alle forze dell’ordine, l’inferno si sarebbe manifestato all’orario di chiusura. Il titolare avrebbe chiuso la serranda, trasformando il negozio in una gabbia. Senza uscita. La giovane è stata vittima di abusi. Contro la sua volontà. Senza possibilità di andarsene e scappare. Senza la possibilità di farsi sentire da chi avrebbe potuto aiutarla, in qualche modo. E’ una triste storia, dicevamo. Una bruttissima pagina di quotidianità partenopea. Di quelle che andrebbero cancellate o strappate di netto. Ma non è possibile e sarebbe sbagliato, anche. Il dolore, lo shock, della ragazza è indelebile. Poggioreale non le sembrerà più lo stesso quartiere. Le apparirà avanti agli occhi come fosse l’anticamera dell’inferno. Un posto dove non tornare mai più.

poggioreale-violenza-donne
Campagna contro la violenza sulle donne – RaiNews

Quello di Poggioreale non è il primo caso di questo tipo

Eppure, ci ha provato. Ha provato a fare i conti con quei demoni. Ma niente da fare, troppo grandi e potenti per poterli sconfiggere da sola e in una notte. Ci ha pensato, senza chiudere occhio, fino al mattino. Poi, il crollo. Ha parlato con la sua famiglia, prima, e con le forze dell’ordine, poi. Ha richiesto le cure del caso all’ospedale Loreto Mare, allo sportello anti violenza. La prognosi è di 19 giorni. Come se si potessero quantificare i giorni per guarire la paura e il terrore. Quella di Poggioreale non è che l’ennesima triste storia che ha come protagonista la violenza sulle donne. Vigliaccheria, infamia, totale assenza di valori fanno da corollario. Dopo la denuncia, il titolare è stato arrestato. Il suo stato sociale è ufficialmente cambiato da “uomo libero” a “mostro”. Lo stesso destino di chi come lui ha privato una donna della sua normalità.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Giugliano. Corsa contro il tempo per il Puc, senza l’approvazione a rischio i fondi del Pnrr

Il Piano urbanistico comunale diventa cruciale per l'accesso ai fondi Pnrr. A Giugliano, così come negli altri Comuni, occorre...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria