Reddito di cittadinanza: sono più di 391mila i beneficiari in Campania

(Immagine di repertorio - archivio InterNapoli)

Secondo i proclami, più o meno ufficiali, del governo giallo-verde, il Reddito di Cittadinanza (RdC) dovrebbe partire, a tutti gli effetti, entro la prossima primavera. C’è da specificare che non sarà semplice accedere ai fondi previsti dal programma (si parla di circa 780 euro mensili, per ogni beneficiario). Soprattutto, non si tratta di regalie: c’è un regolamento alla base del provvedimento che andrà rispettato, pena l’esclusione e pesanti sanzioni. Il Reddito di Cittadinanza andrà ad aiutare chi il lavoro lo ha perso o ancora non lo ha trovato e si trova in un contesto familiare in chiare difficoltà economiche. Al netto della fattibilità del provvedimento, già approvato e diventato sostanzialmente legge, sono tantissimi i nuclei familiari che lo attendono. Non è un caso che il RdC sia stata una delle carte vincenti della campagna elettorale del Movimento 5stelle. Soprattutto nelle aree del paese con la percentuale d’occupazione più bassa.

391mila nuclei familiari beneficiari in Campania

Leggendo i dati diffusi dal governo M5s-Lega, si ha un quadro d’insieme più chiaro su quali saranno le aree geografiche del Paese che beneficeranno maggiormente del Reddito di Cittadinanza. Concentrandoci sulla Campania, leggiamo che risultano essere più di 391mila i nuclei familiari che beneficeranno del RdC (reddito familiare inferiore a 9mila euro, nda). Precisamente sono 391300, così distribuiti: 229900 tra Napoli e provincia, 20900 tra Avellino e provincia, 13200 tra Benevento e provincia, 62mila tra Caserta e provincia e 65300 tra Salerno e provincia. Ai beneficiari, com’è noto, si chiederà di stipulare un contratto “di disponibilità al lavoro”. Sarà compito dei centri per l’impiego locali provvedere alla ricerca dell’occupazione per ognuno dei beneficiari del RdC. I 780 euro (circa) del Reddito andranno a tamponare le necessità dei candidati, nel periodo di attesa della “chiamata al lavoro”.