rolex rapine barche tesoro yacht
Foto del blitz

Rapine e spaccio di droga per poter comprare auto, barche, orologi e gioielli. La scoperta è stata condotta dalla Guardia di Finanza di Bologna che ha monitorato 14 soggetti ritenuti ‘socialmente pericolosi’ e già condannati con sentenza definitive. Per legge sono obbligati a comunicare alla stessa Finanza eventuali variazioni importanti del loro patrimonio. Invece da quanto è emerso non hanno rispettato questa prescrizione omettendo di comunicare compravendite per circa 2,5 milioni.

SEQUESTRATO IL TESORO TRA ROLEX, CONTANTI E BARCA

Per questo le Fiamme Gialle li hanno denunciati, e hanno messo sotto sequestro preventivo beni per un valore complessivo di 1,3 milioni di euro. Fra le altre cose ci sono una Porsche, una imbarcazione e alcuni Rolex, denaro contante, quote di società, immobili residenziali e commerciali. Secondo le indagini, frutto di mirate ricostruzioni patrimoniali oltre che di appostamenti, pedinamenti e perquisizioni, questi beni sono stati acquistati reimpiegando capitali di provenienza illecita. I 14 indagati sono tutti del Bolognese, per lo più condannati per stupefacenti, rapine e altri reati contro il patrimonio. Il denaro sarebbe frutto di rapine e furti.

Le indagini, condotte dai Finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Bologna sotto la direzione della Procura, nelle persone, tra gli altri, del Dott. Marco Forte, del Dott. Augusto Borghinie del Dott. Bruno Fedeli, permettevano di sottoporre a sequestro preventivo beni per un valore complessivo pari a 1,3 milioni di euro. Frutto di ricostruzioni patrimoniali e di attività di polizia giudiziaria.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.