«Sono incinta…», la ‘trappola’ attraverso un messaggio whatsapp poi l’omicidio ad Aversa

Nel riquadro la vittima Nicola Picone

Un delitto scoppiato a causa della gelosia. Un omicidio maturato grazie ad una trappola. E’ quanto emerso in aula durante le udienze del processo per l’omicidio di Nicola Picone. Il giovane ucciso ad Aversa il 19 ottobre del 2018 all’interno di una Fiat Panda parcheggiata nell’area di servizio del distributore Agip di viale Europa. Alla base delle indagini, coordinate dalla Procura distrettuale antimafia di Napoli, tanti elementi che porterebbero a ipotizzare che Picone sia stato ucciso da Rita Mango (imputata in questo processo) per motivi passionali, in quanto aveva deciso di troncare la loro relazione extraconiugale (Picone e la Mango erano sposati, quest’ultima in particolare è la moglie di Valerio Nappello, pezzo da novanta della camorra di Miano) ed anche economici, poiché la donna aveva accertato che l’amante aveva sottratto ingenti somme di denaro dalla società di noleggio auto, aperta dal marito per riciclare il denaro e alimentare così le casse del clan.

Il messaggio prima del delitto di Aversa

Alla base di tale inchiesta tante testimonianze di persone che erano vicine a Picone:«Dopo la fine dei domiciliari il rapporto tra Rita e Nicola si è improvvisamente deteriorato tanto che si sono scambiati reciproci messaggi di minaccia circostanza di cui ho piena contezza perchè li ho letti personalmente dal telefono di Nicola». Proprio quei messaggi che i due si scambiavano evidenziano il clima teso tra i due fatto di reciproche accuse e di invettive da parte della donna che accusava l’uomo di non volerla lasciare per non perdere i benefici economici derivanti dalla loro relazione. Mango, come emerso in aula e come si evince dall lettura dei messaggi che i due si scambiavano, voleva incontrare Picone. L’ultimo messaggio prima della morte di Picone è del resto emblematico. Mango dice a Picone di essere incinta e di aver necessità di un incontro in quanto è incinta e ha bisogno di parlare con l’uomo perchè ha intenzione di abortire visto che entrambi sono sposati:«Cmq dobbiamo parlare, prima di giovedì vedi tu ora, tanto un paio di giorni che mi hai chiesti tu sono passati quindi….x prima cosa mi devi dire in faccia che giovedi devo andare ad abortire, poi mi devi dire se continuare come si deve o chiudere definitivamente la nostra nostra e x ultimo i soldi e su come vogliamo metterci d’accordo in modo che io nn ti dia piu fastidio nel caso tu devi stare con la sbirra». E’ il 16 ottobre 2018, il 19 Picone troverà la morte.
Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook