Stupro di gruppo a Sorrento, nuovi testimoni: “La turista era consenziente”

Stupro in albergo a Meta di Sorrento. Ieri tre testimonianze davanti ai giudici del Tribunale di Torre Annunziata. Sembra indubbio l’avvenuto rapporto sessuale, ma resta da stabilirne la consensualità.

Ieri tre testimoni hanno raccontato la propria versione ai giudici del Tribunale di Torre Annunziata. Il primo ha parlato della confidenza ricevuta da uno dei presunti stupratori. L’uomo gli avrebbe raccontato di aver fatto sesso di gruppo con una turista ospite dell’hotel, mostrandogli anche una foto della donna. Secondo il testimone il rapporto sarebbe stato pienamente consenziente. Il presunto autore della violenza avrebbe parlato della sua esperienza sessuale anche con il secondo testimone. Quest’ultimo ha dichiarato di non aver dato peso a quella storia perchè dubitava che fosse vera. Il pianista dell’albergo potrebbe però essere il testimone chiave: ha dichiarato di aver notato la donna al bancone del bar in compagnia della figlia. Il musicista ha detto di aver visto la madre parlare all’orecchio di uno dei barman. Secondo lui, gli addetti della struttura si sarebbero comportati in maniera professionale con le due signore. I giudici hanno ascoltato anche  Donatella Grassi, dirigente del commissariato di Sorrento. La Grassi ha condotto la perquisizione all’interno dell’albergo e delle abitazione degli indagati. Non sono state trovate sostanze stupefacenti.