Tragedia di Natale a Napoli, donna si lancia nel vuoto dopo una lite con il compagno

NAPOLI. Si è buttata nel vuoto scavalcando un muro di cinta a seguito di un litigio con il compagno: ricoverata in ospedale in condizioni serie. L’episodio, con protagonista una giovane donna, s’è verificato ieri sera, alla Vigilia di Natale, al Rione Sanità. Stando alle prime ricostruzioni dell’accaduto la ragazza, residente nell’area collinare, attorno alle 2 di questa notte era in auto con il suo partner quando entrambi hanno iniziato a discutere animatamente con le grida udite anche dagli abitanti delle case vicine. Al culmine della lite la giovane, secondo quanto riportato da alcuni testimoni, è scesa dall’auto e si è lanciata sull’asfalto raggiungendo la sommità di un muro di cinta alto 3 metri. Immediatamente sono partiti i soccorsi con un’ambulanza del 118 giunta sul posto per trasportare in ospedale la ragazza, le cui condizioni sono apparse subito ai presenti gravi. Al Rione Sanità, per i rilievi del caso, anche gli agenti del Commissariato di Polizia di Stella San Carlo all’Arena. Non è ancora chiaro il motivo del litigio né perché la ragazza abbia compiuto il gesto. Chi ha assistito alla scena, però, si è detto pronto ad escludere l’ipotesi che a lanciare sull’asfalto la donna sia stato il compagno. In ogni caso saranno le indagini a chiarire la dinamica dei fatti e come di consueto gli inquirenti non escludono nulla.