Viaggiavano in 3 sul motorino a Napoli, insulta i carabinieri con la diretta Facebook

Foto di archivio

Da metà settembre nelle zone di via Salvator Rosa, via Girolamo Santacroce, piazza Leonardo e piazza Immacolata, i carabinieri della compagnia Vomero sono impegnati in controlli capillari sul territorio per prevenire “scippi” e rapine. Pattuglie, posti di controllo e perquisizioni spesso si sono tradotti in arresti, sequestri e denunce. A oggi sono state messe in campo 112 pattuglie con più di 220 carabinieri: durante i servizi sono state fermate, identificate e perquisite 930 persone.

Un 36enne del quartiere San Lorenzo, già noto alle forze dell’ordine, è stato invece denunciato per violazione della privacy, ingiuria e diffamazione: fermato dai militari durante un posto di controllo poco dopo la mezzanotte, viaggiava su via Girolamo Santacroce con la moglie e il figlio di 5 anni seduto in mezzo a loro sul suo motorino.

Mentre i militari lo identificavano e completavano i controlli, l’uomo ha preso il suo cellulare e li ha ripresi in diretta social: ha raccontato falsamente di essere stato fermato mentre stava accompagnando il figlio al pronto soccorso pediatrico dell’ospedale Santobono e ha offeso i carabinieri. Il video è stato condiviso da diversi profili privati e pubblici: ha registrato 260mila visualizzazioni ed è stato commentato oltre 1.500 volte.