Vincenzo sparato ai Quartieri, spunta la pista del clan di camorra

E’ stato trasferito al Fatebenefratelli Vincenzo Rossi, il 22enne dell’Arenella, centrato alle gambe ai Quartieri spagnoli (precisamente in vico Sergente maggiore) e al centro della scena da Far West avvenuta nell’atrio del pronto soccorso dell’ospedale Vecchio Pellegrini dove il giovane era stato accompagnato. Spunta anche la pista dei clan di camorra dei Quartieri Spagnoli così come riportato da Il Roma.

L’ennesimo episodio di violenza dopo i fatti di piazza Nazionale, l’ennesima follia targata Napoli. Mentre i sanitari infatti prendevano in cura il giovane (precedente per tentato omicidio) un uomo col volto coperto da casco integrale e con pantaloni chiari ha iniziato a sparare ad altezza d’uomo con l’intento di ucciderlo, molto probabilmente lo stesso che l’aveva gambizzato poco prima. Si è così scatenato l’inferno con due minori feriti lievemente (hanno poi rinunciato alle cure) e la fuga dell’uomo puntualmente ripresa dalle telecamere. E’ attraverso quei nastri che adesso i carabinieri della compagnia Napoli centro (inchiesta condotta dai pubblici ministeri Celeste Carrano e Urbano Mozzillo, sotto il coordinamento del capo della Dda di Napoli Giuseppe Borrelli) sperano di identificare l’ennesimo ‘uomo nero’. Si indaga sul mondo dello spaccio al dettaglio ma anche su una lite avvenuta per motivi passionali negli ambienti contigui ai gruppi criminali della zona.

C’è un altro tassello che rende ancora più complicate le indagini. Nella Pignasecca, in vico Bonafficiata vecchia, è stata infatti trovata un’auto crivellata di colpi: sono in corso accertamenti per verificare se tra i due episodi ci sia un collegamento mentre sorgono numerosi interrogativi sul comportamento del killer. Secondo gli investigatori l’uomo, temendo di essere stato riconosciuto, ha cercato di ‘liquidare’ il conto con Rossi seguendolo fino all’ospedale.