Caos a Giugliano per le vaccinazioni
Caos a Giugliano per le vaccinazioni

Circa 300 persone in attesa per ore di essere vaccinati, senza distanziamento e condizioni di sicurezza minime. Ha davvero dell’assurdo quanto accaduto ieri all’ospedale di Giugliano dove, durante l’intero arco della giornata, ci sono stati disservizi sulla procedura della campagna vaccinale. Tante le persone convocate, tutte accalcate in spazi non certo sufficienti. Molte le lamentele da parte dei cittadini, tant’è che nel pomeriggio il sindaco di Giugliano, Nicola Pirozzi, a seguito di continue segnalazioni di disagi, ha deciso di recarsi sul posto per verificare cosa stesse accadendo. “Ho trovato una situazione che davvero non mi piace. Eppure, come amministrazione, abbiamo concesso all’Asl, per allestire i centri vaccini sul territorio cittadino, altre tre location: la palestra presso il 4° circolo didattico di Varcaturo, la palestra del 6° circolo presso la “Gb futura” e il palazzetto dello sport a “Casacelle”, ha dichiarato Pirozzi che accusa l’Asl.
“Non li ha ancora allestiti e sfruttati sicuramente per problemi indipendenti dalla volontà dei vertici sanitari; sicuramente bisogna attendere i tempi fisiologici delle gare d’appalto, dell’arrivo di tutte le dosi necessaire per somministrare i vaccini ad un numero quotidiano elevato di cittadini ma allo stesso tempo i disservizi, i ritardi causati dall’emergenza sanitaria o da un’organizzazione non impeccabile, non possono ricadere in alcun modo sui giuglianesi.
È assurdo che si possano creare assembramenti in una struttura sanitaria; è impensabile abbandonare al freddo ed assembrati anziani o cittadini con patologie in attesa del loro turno. Ho parlato con molti di essi, ho appreso tutte le criticità e domani mattina segnalerò ogni cosa, punto per punto, all’Autorità sanitaria locale chiedendo un intervento imminente affinché non si verifichino più le scene alle quali ho assistito stasera.
Siamo tutti in emergenza, lavoriamo tutti in una condizione limite ma nessuno può pensare che si possa scaricare tutto sulle spalle dell’utenza. Mi farò sentire con rispetto, con la correttezza di sempre ma deciso a rappresentare le necessità e i bisogni della mia gente”. 

Le critiche dell’opposizione

La minoranza composta dai consiglieri di opposizione facenti riferimento alla coalizione di Poziello (Antonio Poziello, Laura Poziello, Francesco Iovinella, Paolo Conte, Luigi Porcelli, Luigi Sequino) ha accusato l’Amministrazione di assenza: “Sono ben 14 giorni che non abbiamo alcuna notizia sul numero contagi e i ricoveri per Covid a Giugliano . Eppure siamo in una zona rossa rafforzata.
𝗘 𝗶 𝗰𝗶𝘁𝘁𝗮𝗱𝗶𝗻𝗶 𝘀𝘁𝗮𝗻𝗻𝗼 𝘃𝗶𝘃𝗲𝗻𝗱𝗼 𝘂𝗻 𝗺𝗼𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗱𝗿𝗮𝗺𝗺𝗮𝘁𝗶𝗰𝗼 𝗰𝗼𝗻 𝘂𝗻 𝗰𝗮𝗿𝗶𝗰𝗼 𝗱𝗶 𝗮𝗻𝗴𝗼𝘀𝗰𝗶𝗮 𝗮𝗻𝗰𝗼𝗿𝗮 𝗽𝗶𝘂̀ 𝗳𝗼𝗿𝘁𝗲 𝗱𝗶 𝗺𝗮𝗿𝘇𝗼 𝘀𝗰𝗼𝗿𝘀𝗼 𝗾𝘂𝗮𝗻𝗱𝗼 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗼 𝗶𝗻𝗰𝘂𝗯𝗼 𝘁𝗲𝗿𝗿𝗶𝗯𝗶𝗹𝗲 𝗶𝗻𝗶𝘇𝗶𝗼̀.
Ma pur vivendo questo momento claustrofobico, sono completamente scollegati dalle istituzioni, privati della giusta e necessaria comunicazione informativa sull’andamento della curva contagi in città.
E la paura e lo sconcerto aumentano.
Così come aumenta il disagio per chi, nonostante il timore , ha deciso di vaccinarsi.
È una guerra ma fortunatamente non ci sono bombe che hanno abbattuto strutture e forse si potrebbero ampliare i luoghi in cui recarsi per farsi somministrare il vaccino.
𝗖𝗼𝗱𝗲 𝗶𝗻𝘁𝗲𝗿𝗺𝗶𝗻𝗮𝗯𝗶𝗹𝗶 𝗱𝗶 𝗮𝗻𝘇𝗶𝗮𝗻𝗶 , 𝘀𝗽𝗲𝘀𝘀𝗼 𝗶𝗻 𝗽𝗶𝗲𝗱𝗶 𝗽𝗲𝗿 𝗼𝗹𝘁𝗿𝗲 𝘁𝗿𝗲 𝗼𝗿𝗲 𝗻𝗼𝗻 𝗳𝗮𝘃𝗼𝗿𝗶𝘀𝗰𝗼𝗻𝗼 𝗹𝗮 𝗰𝗮𝗺𝗽𝗮𝗴𝗻𝗮 𝘃𝗮𝗰𝗰𝗶𝗻𝗮𝗹𝗲 𝗲 𝗮𝗴𝗴𝗶𝘂𝗻𝗴𝗼𝗻𝗼 𝘀𝗼𝗳𝗳𝗲𝗿𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗮 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗼 𝗺𝗼𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗴𝗶𝗮̀ 𝗰𝗼𝘀𝗶̀ 𝗱𝗼𝗹𝗼𝗿𝗼𝘀𝗼.
Caro sindaco Pirozzi, se le evidenziamo la scarsa comunicazione ed organizzazione lo facciamo per tutelare i giuglianesi e nello spirito di collaborazione , per offrirle una mano a risolvere questi due problemi importanti che affliggono la città.
Aiuti i suoi 𝗰𝗶𝘁𝘁𝗮𝗱𝗶𝗻𝗶 𝗻𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗹𝗼𝗿𝗼 𝗱𝗶𝘀𝗽𝗲𝗿𝗮𝘁𝗮 ricerca di sapere come sta andando la diffusione del Covid a Giugliano
𝗔𝗶𝘂𝘁𝗶 𝗶 𝘀𝘂𝗼𝗶 𝗰𝗶𝘁𝘁𝗮𝗱𝗶𝗻𝗶, 𝘀𝗼𝗽𝗿𝗮𝘁𝘁𝘂𝘁𝘁𝗼 𝗾𝘂𝗲𝗹𝗹𝗶 𝗽𝗶𝘂̀ 𝗳𝗿𝗮𝗴𝗶𝗹𝗶, 𝗮 𝗽𝗼𝘁𝗲𝗿 𝗿𝗶𝗰𝗲𝘃𝗲𝗿𝗲 𝘂𝗻 𝘃𝗮𝗰𝗰𝗶𝗻𝗼 𝗶𝗻 𝗰𝗼𝗻𝗱𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝘀𝗲𝗿𝗲𝗻𝗲.
𝗦𝗼𝗻𝗼 𝗱𝘂𝗲 𝗰𝗼𝘀𝗲 𝘀𝗲𝗺𝗽𝗹𝗶𝗰𝗶 𝗰𝗵𝗲 𝗽𝗲𝗿𝗼̀ 𝗺𝗶𝗴𝗹𝗶𝗼𝗿𝗲𝗿𝗲𝗯𝗯𝗲𝗿𝗼 𝗱𝗶 𝗺𝗼𝗹𝘁𝗼 𝗹𝗮 𝘃𝗶𝘁𝗮 𝗱𝗲𝗶 𝗴𝗶𝘂𝗴𝗹𝗶𝗮𝗻𝗲𝘀𝗶 𝗶𝗻 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗼 𝗺𝗼𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗰𝗼𝘀𝗶̀ 𝘁𝗼𝗿𝗺𝗲𝗻𝘁𝗮𝘁𝗼”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.